Archive for 16 marzo 2009

Il TRIO MODIGLIANI alla Fondazione Ferrero di Alba

marzo 16, 2009

trio-modigliani

Già dalla foto suscitano una simpatia immediata: dal vivo ancora di più. Suonano insieme da soli tre anni, ma si direbbe che lo facciano da una vita.

“Quando sei in un paese straniero riconosceresti un tuo simile fra mille. Questo è successo a noi tre anni fa. Dopo un programma tutto Schubert, a qualche giorno di distanza, ci siamo telefonati e ce lo siamo detto: vogliamo sonare insieme. E da lì è incominciato”

E’ così che raccontano la loro nascita. I fratelli Pepicelli sonavano già in duo e Mauro Loguercio (violino) aveva già collaborato con Nikita Magalof e Antonio Meneses, nonché  nel Quartetto David. Dal coup de foudre musicale del loro incontro inizia un’avventura che dal debutto alla Guildhall School di Londra li ha portati in tournée nel mondo come uno dei migliori complessi da camera italiani. Per la prima volta ospiti della Unione Musicale di Torino si sono esibiti nell’Auditorium della Fondazione Ferrero di Alba in un concerto con tre cavalli di battaglia del loro già vasto repertorio: il Trio D.28 di Schubert, l’op.70n.1 di Beethoven e l’op.67 di Shostakovich. Questi ultimi due brani, tra i più impegnativi della cameristica per trio, sono stati affrontati con una musicalità e un’intesa perfetta. Intesa che riescono a stabilire anche col pubblico. Per bis: lo scherzo di un trio di Martucci, di cui quest’anno ricorre il centenario della scomparsa e di cui il Modigliani sta per incidere l’integrale per il mensile Amadeus.

Concludo proponendo il Presto dal Trio op.70 n.1 da loro eseguito ieri (ovviamente in un’altra performance che risale a un anno fa) e sperando di riascoltarli presto.




Annunci