“La grande lirica” in DVD e CD in edicola

Copertina de "La Traviata" in edicola

Appena conclusa la Verdi Collection della Mondadori, ecco in edicola una nuova collana allegata al Sole 24 Ore. “La grande lirica“. Consta di un DVD con tutta l’opera in video e di un CD con una selezione. Il primo numero, già in edicola da martedì scorso, è La Traviata. Il DVD presenta l’edizione dell’Opera di Zurigo del 2005, diretta da Franz Welser-Möst con la regia di Jürgen Flimm. Eva Mei nel ruolo di Violetta, Piotr Beczala in quello di Alfredo e Thomas Hampson in quello di Germont padre. Il CD una selezione del live maggio 1955 alla Scala con Callas, Di Stefano, Bastianini. I due supporti sono accompagnati da un fascicolo con molte foto in b/n della rappresentazione inclusa nel video e da una spicciola presentazione dell’opera. Il prossimo numero dovrebbe essere in edicola domani: sarà Carmen. Nessuna comunicazione sugli interpreti e gli spettacoli. La Carmen dovrebbe però essere quella della ROH Covent Garden, diretta da Mehta con la Ewing, come ho potuto verificare sul sito polacco della MKRoom, che cura la collana e la pubblica allegata alla Gazeta Wyborcza Rusia.

Il piano dell’opera.

Saranno 20 numeri. Temo che anche in questo caso si prospetterà una caccia al tesoro alla ricerca dell’edicola fornita. Comunque è assicurato che gli arretrati possono essere richiesti all’edicolante di fiducia al prezzo di copertina (9,95 euro).

La Carmen in edicola è proprio quella che avevo ipotizzato. Bella edizione, ben diretta, con una regia molto interessante e Maria Ewing, splendida protagonista: forse inferiore alla prova precedente di Glyndebourne, ma pur sempre notevole.

La terza uscita è Madama Butterfly. L’edizione video è quella della Scala 1986 con la regìa di Keita Asari e la direzione di Lorin Maazel. Giapponesi le cantanti che interpretano Butterfly (Yasuko Hayashi) e Suzuki (Hak-Nam Kim). Edizione già uscita in edicola più volte nella serie della Del Prado, che fu la prima in Italia a proporre i DVD d’opera in edicola. Pare che la collana del Sole24Ore attinga al catalogo della Arthaus (cui appartengono le tre edizioni finora uscite) per cui non è difficile ipotizzare le prossime uscite della collana in oggetto consultando il sito della Arthaus

A smentire la mia precedente affermazione è l’edizione di Aida, che dovrebbe essere in edicola anche se non ho avuto modo di verificare. È l’edizione di Busseto del 2001 con la regia di Zeffirelli, edizione che è nel catalogo TDK. Nel sito del Sole24Ore, cui ci può collegare clickando anche sul link “Il piano dell’opera” riportato sopra, sono segnalate le edizioni delle prime tredici uscite.

Quinto numero in edicola: Le Nozze di Figaro. Come previsto dal piano opera on line, l’edizione video è quella di Glyndebourne diretta da Sir John Pritchard con un cast vocale notevole. Spettacolo molto bello come di regola nella Glyndebourne d’allora. Fu persin trasmesso una trentina di anni fa dalla tv Rai in prima serata (!!!!!) e fu delle prime opere in VHS a essere venduta in Italia. La selezione in CD è quella diretta da Erich Kleiber, a mio modesto avviso la migliore in assoluto.

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

9 Risposte to ““La grande lirica” in DVD e CD in edicola”

  1. marialaura emanuelli Says:

    grazie dell’informazione! spero di trovare il fascicolo della traviata e domani quello della carmen sperando ci siano bravi interpreti Ho inviato due messaggi sono arrivati? cordiali saluti

  2. Roberto Mastrosimone Says:

    Ti ho risposto in privato.

  3. marialaura emanuelli Says:

    ho acquistato le due opere ,viste e ascoltate e posso dirti che la Carmen l’ho trovata strepitosa sia come direzione ,interpreti ,scenografia (ottima nell’insieme e sopratutto nei dettagli) e per me insolita per il recitativo voluto da Bizet che non avevo mai sentito.Non posso dire altrettanto per la Traviata che come direzione e interpreti ho trovato buona ,mentre ho le mie riserve per quanto riguarda Mister Flimm…… so che è molto quotato nel campo ma ti assicuro da buona parmigiana se l’avesse vista Verdi non avrebbe certo approvato una mise en chene cosi squallida e di cattivo gusto ! Non giudicarmi male ma è da quando avevo cinque anni che vado all’opera e poi sono nella terra di Verdi e un pò me ne intendo. In piu ho un certo senso estetico visto che ho frequentato l’accademia di belle arti.Non capisco come gli scenografi d’oggi si ostinino a voler cambiare le cose come sono state create….la musica è eterna e la lirica non ha bisogno di radicali cambiamenti nella sua rappresentazione.Il signor FLIMM ha bisogno di venire in italia nelle terre verdiane oppure diriga solo le opere tedesche! scusa se mi sono dilungata Ho apprezzato molto i CD saluti cordiali

  4. Roberto Mastrosimone Says:

    Se ho ben capito la regìa di Flimm non è stata di tuo gradimento perché si discosta dalle indicazioni didascaliche del libretto dell’opera? Oggi è divenuta una regola con poche eccezioni, almeno nei grandi teatri. Non so che cosa si faccia al Regio di Parma, il Regio di Torino ha inaugurato la stagione con una Traviata tutta cubi e parallelepipedi. Solo in realtà minori si può ancora trovare qualcosa di tradizionale.

  5. marialaura emanuelli Says:

    nella foga di demolire mister Flimm ho tralasciato di precisare il mio giudizio.Nell’insieme della scenografia posso accettare l’idea di questa”casa di bambola” che si apre a sorpresa…. poteva essere una trovata originale ,ma il contenuto ….!!!!!!costumi banali e comuni, tavolini da infimo bar. comparse ingessate(svizzere…..)giardino in campagna con orto devastato con fiori di plastica,e finale con letto da ospedale scrostato con una violetta morente completamente vestita come nel secondo atto…no non posso accettarlo +voci discrete e direzione cosi cosi.Per quanto riguarda le produzioni moderne ,sappi che sono alcuni anni che a Parma vengono rappresentate,devo dire che alcune sono state molto belle e originali,ma che quelle migliori erano supportate da ottimi direttori e buoni interpreti.

  6. Roberto Mastrosimone Says:

    Effettivamente questo spettacolo non avrebbe meritato, a mio parere, di essere immortalato in DVD. Mi sembra che Flimm si sia voluto mantenere in bilico fra tradizione e innovazione producendo uno spettacolo che rasenta la forma semiscenica. L’unica idea, neanche poi così originale, è l’indifferenza e la distanza con cui si rapportano i personaggi tra loro, al punto che sembrano quasi non interagire se non nei momenti di palese ostilità. Immagine di una società arida, di quel popoloso deserto che chiamano Parigi. Direzione d’orchestra compita e diligente (come è solito fare Möst), ma non coinvolgente. Come partenza per una collana si poteva scegliere qualcosa di meglio.

  7. gian piero giordano Says:

    vorrei sapere come recuperare i primi 2 numeri

    grazie

  8. Roberto Mastrosimone Says:

    Si possono ordinare presso l’edicolante e pagare senza alcun sovrapprezzo oppure ordinare on line a partire dalle date indicate.
    http://www.shopping24.ilsole24ore.com/sh4/catalog/ProductI.jsp?PRODID=LIR24

  9. Claudio Says:

    solo una domanda: i dvd sono sottotitolati?
    grazie!
    claudio

    ps. qui a Pavia sono introvabili… ma volevo comprarne uno per vedere se richiedere o meno gli arretrati!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: