Miklós Rózsa

Che cosa sarebbe Ben-Hur senza la sua colonna sonora? Gran parte del successo del film è merito di essa. A comporla fu Miklós Rózsa, uno dei maggiori nel genere.

Miklós Rózsa

Nato a Budapest giovedì 18 aprile 1907, fu introdotto alla musica dalla madre Regina Berkovits, si trasferì quindi in Germania per studiare chimica all’università di Lipsia (secondo i voleri paterni), ma si iscrisse presto al Conservatorio, determinato a divenire compositore. Dopo aver composto musica da camera, si trasferisce in Francia, fu qui che Arthur Honneger lo introdurrà alla musica per film. Ma sarà a Londra con l’incontro con Alexander Korda che avrà la sua grande occasione. Nascono le colonne sonore per film di successo come Le quattro piume, Il ladro di Bagdad, Il libro della giungla.

Trasferendosi negli USA avrà modo di collaborare con Billy Wilder (I cinque segreti del deserto, La fiamma del peccato) e con Alfred Hitchcock (Io ti salverò). La colonna sonora di quest’ultimo film gli valse il premio Oscar.

Negli anni 50 collaborando con la MGM compose musiche per kolossal celebri come Quo Vadis, Ivanohe, Ben-Hur (che gli valse il premio Oscar).

Collaborò con Samuel Bronston per Il Re dei Re e per El Cid.

Tornò a collaborare con Billy Wilder in Vita privata di Sherlok Holmes in cui Rózsa introdusse brani di un suo Concerto per violino e orchestra.

Le ultime sue colonne sonore risalgono agli anni 80. Morì nel 1995.

Un brano di Rózsa non destinato al cinema.

Annunci

Tag: , , , , ,

5 Risposte to “Miklós Rózsa”

  1. marco Says:

    Bella sintesi biografica alla quale non posso astenermi..
    Miklos Rozsa nasce compositore di musica classica seppur è grazie a Hollywood e alla film music che otterrà la fama internazionale, una doppia vita, così si intitola il suo libro autobiografico. Eppure le orchestre Italiane quando vanno a trattare ed eseguire i compositori di classica Ungheresi, menzionano Bartok, Kodaly (entrambi di riferimento fondamentale per Rozsa), Ligeti e il più noto Liszt ma spesso si dimenticano di Miklos Rozsa, forse anche perchè, a torto, lo stesso viene considerato prettamente un compositore di film music. Ebbene ciò appare strano, non solo perchè fare cultura significa spaziare a fondo nel repertorio musicale di cui disponiamo e quindi ricordare e far conoscere chi merita, ma anche perchè Rozsa amava l’Italia, soggiornando appena poteva nella sua casa di Santa Margherita Ligure (ove compose molte delle sue opere classiche), e anche perchè con la sua film music ricostruì le musiche della Cristianità e della Roma antica e anche perchè diresse e lavorò con orchestre Italiane quali l’orchestra sinfonica di Roma e l’Orchestra di Santa Cecilia.
    Insomma Miklos Rozsa è uno degli ultimi grandi geni del 900 e di questa miopia sull’obbiettività su chi merita di essere ricordato e a volte qui in Italia e anche altrove non viene ricordato, ne sà qualcosa il compositore Korngold, anch’egli compositore di film music e di musiche classiche, il quale circa la sua classica, dopo essere stato a lungo trascurato, vede una recente riscoperta, con numerosi concerti ed esecuzioni dei suoi lavori, nonchè la realizzazione di numerosi nuovi CD.

  2. Roberto Mastrosimone Says:

    Grazie del bel commento!

  3. riccassani Says:

    Potrei suggerire la riscoperta di un altro transfuga come Franz Waxman autore tra altre delle colonne sonore di Viale del tramonto, La sposa di Frankenstein, Il sospetto e la finestra sul cortile (entrambi di Hitchcock) e Taras Bulba! Ma forse dovremmo cercare di riscoprire anche la musica non cinematografica del povero Nino Rota che molto ha scritto e oggi sembra essere solo ricordato per i commenti sonori ai film di Fellini o al Giulietta e Romeo di Zeffirelli.

  4. Roberto Mastrosimone Says:

    Nel centenario della nascita di Nino Rota qualcosa è stato proposto anche nelle istituzioni concertistiche: un po’ poco forse, ma meglio di niente.

  5. domestico Says:

    È difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra che voi sappiate di cosa state parlando! Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: