Archive for marzo 2014

IL TURCO IN ITALIA di Rossini (Genova,2009) su Rai 5

marzo 29, 2014
Scena dall'opera © Carlo Felice, Genova

Scena dall’opera © Carlo Felice, Genova

Domani, con repliche martedì e sabato, andrà in onda su Rai 5 Il Turco in Italia di Gioachino Rossini in una edizione del Teatro Carlo Felice di Genova del 2009. Fu già trasmessa in notturna estiva da Raitre nel 2010 e già la segnalai:

https://musicofilia.wordpress.com/2010/08/29/il-turco-in-italia-di-rossini-genova-carlo-felice-2009-su-raitre/

Come scrissi allora, il maggior interesse è nell’allestimento che ripropone le scene di Emanuele Luzzati e i costumi di Santuzza Calì. Una recensione dello spettacolo:

http://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/genova-teatro-carlo-felice-il-turco-italia

La volta scorsa Raitre la trasmise in format sandwich, chissà se questa volta si può sperare in una bonifica?

Scena dall'opera © Carlo Felice, Genova

Scena dall’opera © Carlo Felice, Genova

Attenzione:  Domani inizia l’ora legale e già sappiamo che questo cambio d’ora mette in crisi i programmatori di Rai 5. La Guida Programmi on line segnala l’inizio dell’opera alle 11:05, ma io non mi fiderei…. meglio tentare già alle 10:05 (09:05 solari).

La Papathanassiou nel ruolo di Fiorilla © Carlo Felice

La Papathanassiou nel ruolo di Fiorilla © Carlo Felice

Per una strana coincidenza anche nel passaggio d’ora del marzo 2012 (Italiana in Algeri) e del marzo 2013 (Cenerentola) erano programmate opere di Rossini: che sia una consuetudine?

———————-

Come ha già notato Episto, inizio alle 10:05 legali (09:05 solari, lo specifico per l’addetto alla compilazione della guida programmi della rete, così almeno a furia di ripeterlo forse prima o poi imparerà) come naturale e prevedibile. Edizione “bonificata” dalle bande color vaticano e pertanto più godibile, sebbene il passaggio dal letterbox d’origine al 16:9 non sia stato del tutto indolore….

Annunci

Aprile 2014: cartellone lirico di Rai 5

marzo 27, 2014

rai 5 pa

On line la programmazione lirica di Rai 5 per il prossimo mese di Aprile:

http://www.rai5.rai.it/dl/PortaliRai/Programmi/PublishingBlock-597bd97e-4d5c-4359-9e91-9dfcccf404f2.html?ContentItem-f3631330-ff79-4ffe-b2a9-294eb518f1f2

Tancredi, Lucrezia Borgia, Mefistofele e Otello di Verdi. Tranne quest’ultimo titolo, che è lo spettacolo che andrà in scena al San Carlo di Napoli dal 13 al 29 aprile pp.vv. e che presumibilmente godrà in tv anche della prima serata del giovedì, si tratta di repliche di spettacoli già trasmessi dalla rete negli anni passati. Poco male, anche se si farebbe bene a ripristinare qualcosa di non ancora diffuso (e c’è tantissimo). Originale, ma credo del tutto casuale, la trasmissione del Mefistofele nel giorno di Pasqua.

Viktor Tretiakov e Yuri Bashmet con la OSN Rai. Dirige John Axelrod

marzo 22, 2014

Per i nostalgici:

 Viktor Tretiakov 19enne vinceva nel 1966 il primo premio del Concorso Ciaikovskij (si vede David Oistrach nella giuria). Se non ricordo male debutterà all’Auditorium Rai cinque anni dopo, nel 1971 col Secondo Concerto di Shostakovich (Aldo Ceccato sul podio). Ritorna un po’ a sorpresa (non era previsto nel programma ufficiale) ormai 67enne a fianco di un altro over 60: l’amico Yuri Bashmet nella Sinfonia Concertante KV 364 di Mozart. Un brano celeberrimo, dove più che il virtuosismo dei due strumentisti è prevalente l’affinità e la loro simbiosi.

Tretiakov e Bashmet durante la prova generale

Tretiakov e Bashmet durante la prova generale

Essendo una coppia musicale ben collaudata l’intesa era perfetta e tale anche era anche con l’Orchestra diretta da John Axelrod.

Un altro momento delle prove

Un altro momento delle prove

Molti applausi nella speranza, forse, di un bis che non è giunto. Axelrod, che continua il suo fruttuoso rapporto con la OSN Rai, ha proposto nella seconda parte della serata la Settima Sinfonia di Dmitri Shostakovich. Pagina tra le più conosciute del Musicista, forse per l’occasione che la generò: l’assedio di Leningrado da parte delle truppe tedesche nel 1941. La Sinfonia venne eseguita a Mosca il 15 marzo 1942 e il 22 giugno già a Londra, nonché, trasportata in microfilm, a New York il 19 luglio sotto la bacchetta di Toscanini. Nell’arco di due anni negli USA fu diretta da Stokovski, Mitropoulos, Monteux, Koussevitzki, Rodzinki raggiungendo ben le 62 esecuzioni. Divenne il simbolo della resistenza e della lotta contro gli invasori e tale in parte rimane. Certo il primo movimento con la marcetta ossessiva, che ben simboleggia nella sua quasi robotica banalità l’assurdità della guerra, non ha perso ancora la forza trascinante che sicuramente ebbe più di 70 anni fa. Eccellente la performance della OSN sotto la guida di John Axelrod.

John Axelrod sul podio della OSN Rai

John Axelrod sul podio della OSN Rai

IL TROVATORE di Verdi dal Teatro alla Scala su Rai 5

marzo 19, 2014

Domani su Rai 5 in prima serata Il Trovatore di Verdi andato in scena recentemente  al Teatro alla Scala. L’allestimento firmato Hugo de Ana non è una novità: è lo stesso dell’edizione del 2000 diretta da Muti, già vista più volte anche in tv.

Scena dal primo atto © Brescia/Amisano

Scena dal primo atto © Brescia/Amisano

Nuovo il cast: sul podio il giovanissimo Daniele Rustioni.

Daniele Rustioni

Nei ruoli principali: Marcelo Alvarez (Manrico), Maria Agresta (Leonora), Franco Vassallo (Il Conte di Luna), Ekaterina Sementchuk (Azucena), Kwangchul Youn (Ferrando).

Marcelo Alvarez, Maria Agresta, Franco Vassallo, Ekaterina Sementchuk © da foto Brescia/Amisano

Marcelo Alvarez, Maria Agresta, Franco Vassallo, Ekaterina Sementchuk © da foto Brescia/Amisano

Alcune recensioni dello spettacolo:

http://www.gbopera.it/2014/03/teatro-alla-scalail-trovatore/

http://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/milano-teatro-alla-scala-il-trovatore

http://www.ilcorrieremusicale.it/2014/02/18/il-trovatore-alla-scala/

http://www.teatro.org/spettacoli/recensioni/il_trovatore_26491

Kwangchul Youn (Ferrando) © Brescia/Amisano

Kwangchul Youn (Ferrando) © Brescia/Amisano

Repliche domenica mattina, martedì pomeriggio, sabato preserale.

———–

Oggi, domenica 23 marzo, si è giunti a conclusione, anche se una breve interruzione (almeno nella mia zona) c’è stata verso il termine del secondo atto. Chissà se alla terza diffusione tutto andrà liscio? Sullo spettacolo posso condividere i giudizi delle recensioni citate sopra: eccellente Agresta, che ormai può essere considerata un punto di riferimento assoluto come soprano verdiano, ottimo Alvarez, migliore mi sembra rispetto agli altri video (Metropolitan, Regio di Parma) che lo vedono protagonista in questo ruolo, anche Youn dà una splendida prova, un po’ meno (ma di poco) la Sementchuk, su Vassallo sarei meno severo dei recensori (anche se loro erano in teatro e dovrebbero essere più attendibili). La ripresa tv purtroppo non rende bene l’idea dello spettacolo e fa rimpiangere molto quella del 2000 sebbene realizzata con mezzi più datati. Ho già scritto che il gusto della Regista che ha curato queste riprese è molto lontano dal mio; forse vuol dare un linguaggio televisivo allo spettacolo operistico, il che sarebbe possibile in un prodotto ad hoc, fatto per la tv in cui regista dello spettacolo e della ripresa coincidono, ma per uno spettacolo teatrale compito della tv deve essere quello di renderne al meglio l’idea. Certo un compito in subordine, ma in cui alcuni divennero grandi (basti pensare a Brian Large); se al contrario si vuol primeggiare a tutti i costi con primi, se non primissimi, piani, con una ossessiva se non maniacale attenzione per dettagli spesso inutili, con uso continuo di dissolvenze (incrociate e non) il risultato è quello di non far capire quasi nulla dello spettacolo teatrale e di stancare il telespettatore. Per restare in Italia si guardino ad es.  le regie tv di Tiziano Mancini fatte al Regio di Parma per la Unitel nella serie completa delle opere verdiane pubblicate dalla CMajor e distribuite anche in edicola dalla Mondadori e si potrà avere un ottimo esempio di efficacissima ripresa d’opera in cui l’idea dello spettacolo è quanto mai pregnante. Ovviamente sono solo miei pareri….

LA CENERENTOLA di Rossini (Pesaro,2000) su Rai 5

marzo 15, 2014

A sorpresa è stata cambiata la programmazione lirica su Rai 5 rispetto a quanto annunciato precedentemente. La Cenerentola di Rossini subentra a I Puritani di Bellini. Ignoro le cause della sostituzione. Forse voler smentire la mia ipotesi sull’under 40 dei direttori? Carlo Rizzi infatti è anche se di poco un over 50… Smiley. Questa Cenerentola fu trasmessa lo scorso anno il giorno di Pasqua e forse molti non avranno avuto modo di vederla. Possono farlo domani e nelle repliche di martedì e sabato. L’avevo segnalata lo scorso anno e rimando al post di allora:

https://musicofilia.wordpress.com/2013/03/30/la-cenerentola-di-rossini-rof2000-su-rai-5/