Riccardo Muti racconta Verdi su Rai 5

Inizia da stasera (alle 21:15) su Rai 5 un ciclo di lezioni-concerto tenute da Riccardo Muti a Roma in cui il Maestro “racconta” alcune opere di Verdi.

Riccardo Muti legge Ernani al pianoforte

Riccardo Muti

Si comincia con Ernani, seguiranno Attila, Simon Boccanegra, Nabucodonosor. Il Maestro fa il maestro… Muti non è nuovo a iniziative del genere: anni fa era uscita in edicola una serie di DVD con CD allegato con lezioni-concerto dedicate a varie composizioni. È un bene che stavolta la Rai trasmetta in prima serata, sperando in una buona audience.

Riccardo Muti e il mimo: una gag in attesa del concerto

Muti a Firenze nei giorni scorsi ©La Repubblica

Annunci

Tag: , , ,

Una Risposta to “Riccardo Muti racconta Verdi su Rai 5”

  1. Marco Says:

    Speriamo che il pubblico mostri intresse all’iniziativa, che mi pare vada nella giusta direzione, a completamento del recente impegno televisivo della Rai per la musica.

    Quanto a Muti, vorrei cogliere l’occasione per segnalalare l’esito trionfale del concerto tenuto all’Opera di Firenze il primo di dicembre, tappa iniziale di una tournée che lo porterà in giro per alcune province italiane. Posso confermare l’entusiasmo del pubblico fiorentino (in platea sedeva anche Zubin Mehta) per il maestro napoletano, impegnato a dirigere l’Orchestra Cherubini in un programma che prevedeva la Quarta di Schubert seguita dalla Quinta di Tchaikovsky (più un bis: l’Ouverture dalla Giovanna D’Arco di Verdi). Molto buona la prestazione della compagine orchestrale giovanile, sicuramente non inferiore ad altre realtà internazionali “concorrenti” di cui il Maestro ha lamentato, in un lungo discorso al termine del concerto, una sovraesposizione nel nostro paese in pregiudizio della “sua” Cherubini, che meriterebbe
    a suo dire più attenzione (ne è prevista l’anno prossimo la presenza al festival di Salisburgo).
    Pare che Muti intenda tornare sulle rive dell’Arno, ma per dirigere con una certa continuità i complessi del Maggio, ferma restando l’intenzione di non assumere più alcun incarico stabile in Italia.
    Indipendentemente da questo, registro con soddisfazione l’aria nuova che si respira ultimamente a Firenze: in questi giorni è in scena il Falstaff targato Mehta-Ronconi con l’autorevole presenza di Ambrogio Maestri e il teatro, nelle 6 rappresentazioni previste, registra il tutto esaurito, o vi si avvicina spesso. Stessa cosa per i concerti sinfonici. Una buona notizia per Firenze, ma non solo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: