Concerto della OSN Rai in diretta tv su Rai 5. Dirige Daniel Smith. (con commento della serata dal vivo)

Rai 5 mantiene l’impegno di trasmettere alcuni concerti della OSN in diretta tv. Stasera alle 20:30 andrà in onda il 5° concerto della stagione 2015/16 che vede sul podio Daniel Smith e avrà la partecipazione di Ian Bostridge. Il programma:

Pëtr Il’ič Čajkovskij
Romeo e Giulietta, ouverture fantasia (versione 1880)

Gustav Mahler
Da “Das Knaben Wunderhorn”
Revelge
Der Tamboursg’sell
Wo die schönen Trompeten blasen
Des Antonius von Padua Fischpredigt

Sergej Prokof’ev
Morte di Tibaldo da Romeo e Giulietta, suite n. 1 op. 64bis

Ludwig van Beethoven
Sinfonia n. 3 in mi bemolle maggiore  op. 55 Eroica 

Prove d’orchestra con Daniel Smith sul podio presso l’Auditorium Toscanini

È moda da un po’ di anni legare spesso i brani in programma con un filo conduttore. Ci prova anche Daniel Smith, secondo cui il filo conduttore sarebbe “la passione”: «Sì, la passione… quell’emozione forte e quasi incontrollabile. Per quanto riguarda la prima parte del concerto potremmo parlare di una sorta di festival letterario, diviso tra Shakespeare e una collazione di anonime poesie tedesche. Cominciamo con Romeo e Giulietta versione Ciajkovskij, dove ho scelto di sottolineare non tanto il tema dell’amore, quanto le altre passioni presenti nella vicenda: gelosia, odio, avidità, rabbia, volontà di vendetta. L’amore qui non trionfa: a farlo è il circolo vizioso costituito dai sette peccati capitali. Come farebbe Shakespeare nell’allestire una sua tragedia, abbiamo voluto introdurre a metà un intermezzo di carattere diverso. Ed ecco allora i Lieder da Des Knaben Wunderhorn, affidati a una voce straordinaria qual è quella di Ian Bostridge, una voce in grado di rendere i diversi umori di questo capolavoro. Poi di nuovo Shakespeare, questa volta nella lettura che dà Prokof’ev nel suo celebre balletto, per un finale che spero sia entusiasmante». (intervista a F.Festa su Sistema Musica). A questo punto però la Terza di Beethoven? «Una Sinfonia che sento in maniera molto personale, anche perché Beethoven la compose a trentatré anni, la mia età attuale, e questo certamente mi influenza. Nelle sue pagine lo stato d’animo varia continuamente tra speranza e frustrazione. La mia lettura dell’Eroica è cambiata dopo la morte dell’attore Robin Williams, un artista che, come Beethoven, ha dedicato la sua vita a far felice il pubblico mentre era divorato dai suoi demoni interiori. Nel dirigere questa Sinfonia, sento che sto mettendo a nudo la mia anima, e tutto ciò mi spaventa». (intervista citata). Boh… A me pare molto più banalmente che Daniel Smith avendo questa sinfonia in repertorio avesse voglia di dirigerla a Torino, tanto è vero che sabato 14 p.v. a Savona con la stessa Orchestra la dirigerà abbinata alla Pastorale. Comunque staremo a sentire e… vedere.

Daniel Smith prova Beethoven all’Auditorium Toscanini della Rai.

——–

Non ho visto la diretta tv in quanto ho seguito il Concerto dal vivo. Una bella serata indubbiamente. Il giovanissimo Daniel Smith è direttore dall’aspetto simpatico e accattivante e mi sembra che sappia il fatto suo.

Daniel Smith dirige la OS Rai © Più Luce

Prima parte “shakespeariana”, ma non troppo…: Mahler come intervallo? e la Morte di Tebaldo (5 minuti scarsi di musica che solitamente propongono come bis) in chiusa che era un po’ tirata via e sprecata. Comunque l’Ouverture fantasia di Ciaikovsky è stata molto ben eseguita e in essa si percepiva lo Smith direttore d’opera nella sottolineatura della cantabilità del tema d’amore e nella drammatizzazione del tema del conflitto. Ian Bostridge è quel grande liederista che ben si sa e ha interpretato da par suo i quattro Lieder di Mahler. Pare che la voce da alcuni settori della sala non si sia tanto sentita (non dalla mia postazione): forse un leggero abbassamento di voce c’era (un colpo di tosse fra due Lieder), di sicuro l’acustica dell’Auditorium conferma la sua precarietà.

Ian Bostridge e Daniel Smith nel concerto alla OSN Rai © Più Luce

L’Eroica di Beethoven nella seconda parte. Bella esecuzione, ricca di slancio e passione, insomma molto “sentita” dal Direttore, come aveva dichiarato nell’intervista.

Esecuzione della Terza di Beethoven © Più Luce

Lo schieramento dell’Orchestra con i violoncelli opposti ai violini, a mio parere, se ha giovato in Ciaikovsky, non è stato invece pertinente in Beethoven, dove invece sarebbe stato opportuno opporre primi e secondi violini. Applausi ad Orchestra e Direttore che ha voluto stringere la mano agli orchestrali in segno di stima.

Daniel Smith si complimenta con gli Orchestrali della OSN Rai © Più Luce

—–

Visto il video in differita. Fatte ovviamente le dovute lodi per la diretta e il progresso compiuto in questi 5 anni, un appunto: perché non inserire i sottotitoli nei Lieder di Mahler? si dà per scontato che gli ascoltatori li conoscano a memoria? credo che i sottotitoli in questi casi valgano quanto, se non più, delle introduzioni all’ascolto.

Advertisements

Tag: , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: