Archive for the ‘Concerti’ Category

Davide Cabassi a Torino per l’Unione Musicale

aprile 10, 2017

dc

Salvo errori, credo che sia la prima volta che Davide Cabassi è ospite dell’Unione Musicale di Torino, anzi direi che la sua presenza a Torino finora si sia limitata a un recital per lo scorso Settembre Musica (in duo con Tatiana Larionova) e al Concerto in sol di Ravel con la Filarmonica di Torino nel giugno di due anni fa. Spero davvero che le istituzioni torinesi lo invitino più spesso e che aumentino le occasioni di vederlo e ascoltarlo dal vivo, poiché a mio giudizio si tratta di uno dei migliori pianisti attualmente in attività. Unisce a una tecnica ineccepibile che gli consente di affrontare qualunque pagina del repertorio pianistico una sensibilità e una maturità di interprete rarissime. Piuttosto che esibire virtuosismi circensi, di cui per altro sarebbe capace, preferisce penetrare nell’intimità del brano eseguito mettendone in luce aspetti nascosti. L’esempio migliore lo si può trovare nel suo Schumann, di cui ha eseguito ieri al Teatro Vittoria Kinderszenen e Carnaval. Schumann è, secondo me, un musicista difficilissimo da interpretare, mette K.O. anche i pianisti più accreditati. Cabassi riesce a cogliere perfettamente le inquietudini dell’animo schumaniano, la sua schizofrenia, ogni “scena” sia dell’op.9 che dell’op.15 aveva la sua giusta caratterizzazione, sia nel tempo che nel suono. Un’esperienza d’ascolto davvero rara. Nella seconda parte del ricco recital ha accostato con estrema intelligenza Dulce refrigerium di Niccolò Castiglioni ai Quadri di un’esposizione di Musorgskij, brani che ha eseguito senza soluzione di continuità, sottolineando come il Choral finale del brano di Castiglioni richiamasse i corali sottesi nella composizione musorgskiana. In quest’ultima Cabassi ha dato mostra del suo virtuosismo composto e mai esibito, la Musica per lui è un fine non un mezzo, come per tutti gli interpreti seri e, direi, davvero grandi.

Christian Blackshaw e Trevor Pinnock alla Stagione OSN Rai

aprile 7, 2017
CB1

Christian Blackshaw alla Rai ©Più Luce

Christian Blackshaw è oggi uno dei più accreditati interpreti mozartiani: il suo ciclo di Sonate alla Wigmore Hall è divenuto leggendario. Torna alla OSN Rai con Mozart, stavolta il KV 491.

CB2

Blackshaw interpreta il KV 491 ©Più Luce

Come avevo rilevato nella performance del KV 595 nel novembre 2015, il pianismo intimo, delicato e profondamente umano di Blackshaw è l’ideale per Mozart e anche stavolta ne è venuta una conferma.

Mozart

Esecuzione del KV 491 © Più Luce

Sul podio Trevor Pinnock, noto soprattutto per le sue esecuzioni filologiche con l’English Concert. Da alcuni anni ha ampliato il suo repertorio dirigendo anche orchestre sinfoniche. È la seconda volta che sale sul podio della OSN Rai.

TP1

Trevor Pinnock dirige la OSN Rai © Più Luce

Ha completato la serata con la Sinfonia D 944 (La Grande) di Schubert, sinfonia che Pinnock ama particolarmente: “La trovo piena di umanità, combinando gesti potenti con momenti intimi che parlano alle profondità del nostro essere. Non sentiamo semplicemente l’eredità di Beethoven ma di tutto il Settecento musicale, una prospettiva vertiginosa. Ma è l’ispirazione inimitabile di Schubert che ci apre la strada al futuro, alle conquiste di Bruckner e Mahler.” (Sistema Musica).

TP2

Trevor Pinnock dirige Schubert alla Rai ©Più Luce

Pinnock lo scorso 16 dicembre ha festeggiato i suoi 70 anni. L’articolo da cui ho tratto la frase di cui sopra riporta che Pinnock  ha festeggiato con tra gli invitati Christopher Hogwood e John Eliot Gardiner. Cosa molto inquietante poiché Hogwood è deceduto il 24 settembre del 2014.

Immagine

© Sistema Musica

 

Concerto Pinnock – Blackshaw su Rai 5

aprile 6, 2017
Pinnock

Trevor Pinnock

È il 19° concerto della Stagione della OSN Rai che avrà luogo stasera all’Auditorium Toscanini di Torino e che Rai 5 trasmette in “lieve differita” alle 21:15. Lo dirige Trevor Pinnock, solista Christian Blackshaw.

blackshaw

Christian Blackshaw

In programma il Concerto KV 491 di Mozart e la Sinfonia in do maggiore D 944 di Schubert.

Desktop1

Si direbbe che Rai 5 abbia abbandonato le “dirette pure” per quanto riguarda i concerti e le opere. Ragioni di palinsesto? forse, visto che i concerti e le opere iniziano con anticipo rispetto all’orario di prima serata della rete. Resta da ipotizzare un posticipo nell’orario dei concerti della prossima stagione, magari alle 21:15. Fu fatto qualche anno fa, ma…. poi Rai 5 non trasmise neppure una diretta

——
Per il concerto dal vivo:
https://musicofilia.wordpress.com/2017/04/07/christian-blackshaw-e-trevor-pinnock-alla-stagione-osn-rai/

David Garrett alla OSN Rai con Ryan McAdams sul podio.

marzo 3, 2017
dgarrett

David Garrett da foto ©T.Sabo

Dopo due anni torna David Garrett alla OSN Rai: concerti attesi da tempo da tutti i fan, biglietti esauriti da mesi, code interminabili alla biglietteria, irriducibili all’ingresso che richiedevano qualche biglietto avanzato…. insomma tutto secondo le previsioni, tanto più che si è voluto un po’ “strafare” poiché in programma c’erano il Concerto op. 35 di Ciaikovskij, che anche grazie al film Il concerto di Mihaileanu è diventato popolarissimo, e nientemeno che il Bolero di Ravel, che da solo fa sempre il sold out. La serata inizia con l’Ouverture dal Don Giovanni di Mozart, brano introduttivo di breve durata tanto per consentire ai ritardatari di prender posto. Sul podio il giovanissimo Ryan McAdams, già conosciuto dal pubblico della OSN.

mcadams

Ryan McAdams ©Più Luce

Poi si attende Garrett, che si fa un po’ aspettare, da divo qual è. Arriva tra le ovazioni del pubblico, soprattutto giovanile. E via col Concerto… Il Concerto di Ciaikovskij fu considerato dai contemporanei ineseguibile, ma tale non è certamente per un virtuoso come Garrett, che tutto sommato si mantiene abbastanza nei ranghi e non ne approfitta per una performance spettacolare; insomma Garrett, lo avevo notato anche in Brahms la volta scorsa, quando affronta i classici lo fa in modo pacato, senza esibizionismi fuori luogo.

https://musicofilia.wordpress.com/2015/03/06/david-garrett-alla-sinfonica-rai-dirige-tomas-netopil/

garrett-mcadams

David Garrett alla OSN Rai ©Più Luce

Applausi già dopo il primo movimento, secondo un costume che comincia a prender piede anche nelle sale più blasonate, ovazioni al termine. Garrett e McAdams rispondono riproponendo come bis la Csárdás di Vittorio Monti, eseguita due sere prima nel Concerto di Carnevale. Il pubblico insiste e facendosi attendere Garrett esegue un brano per violino solo a velocità supersonica . Ancora applausi, il pubblico insiste, l’Orchestra attende seduta, ma Garrett non torna più neanche a ringraziare al punto che dopo un po’ gli orchestrali si alzano e vanno via… Boh… Devo dire che colleghi più anziani e altrettanto bravi si comportano diversamente. Forse “gli scappava”?

garrett

David Garrett © Più Luce

La seconda parte della serata inizia con la Sinfonia in tre movimenti di Stravinskij, che sembrava un po’ un’intrusa piazzata lì tra Garrett e il Bolero. Quindi l’atteso Bolero che l’OSN esegue dalla sua nascita e che suscita sempre entusiasmi a non finire. Anche stavolta naturalmente.

orchestra

©Più Luce

Niente ripresa tv, in compenso è stato ripreso il Concerto di Carnevale, sempre con Garrett, e sarà trasmesso in data da stabilirsi.

Concerto Alan Gilbert – Sol Gabetta da S.Cecilia su Rai 5

marzo 2, 2017

Stasera alle 21:15 su Rai 5 andrà in onda la differita di un concerto eseguito lo scorso 16 febbraio all’Auditorium Parco della Musica in Roma con l’Orchestra di Santa Cecilia diretta da Alan Gilbert e Sol Gabetta solista.

gabalan

Sol Gabetta e Alan Gilbert a S.Cecilia © Musacchio e Ianniello

Il programma inizia con The black gondola una trascrizione di John Adams di un brano per piano di Franz Liszt. Segue il Concerto n. 1 per violoncello e orchestra di Bohuslav Martinů.

gabetta

Sol Gabetta ©Musacchio e Ianniello

Nella seconda parte una sintesi curata da Alan Gilbert del Ring di Richard Wagner. A quanto pare le sintesi sinfoniche dell’Anello del Nibelungo cominciano a diffondersi: fu Lorin Maazel forse il primo a proporla (Il Ring senza parole) e diede occasione ai suoi numerosi detrattori di torcere il naso, chissà se oggi lo raddrizzano dal momento che la formula ha avuto successo e molti direttori la stanno sperimentando e tra questi anche Alan Gilbert.

alan-gilbert

Alan Gilbert ©Musacchio e Ianniello