Archive for the ‘Orchestra Sinfonica Rai’ Category

OSN Rai: Stagione 2018/19

giugno 8, 2018

osn

Presentato ieri e pubblicato on line il programma della futura Stagione Sinfonica della OSN Rai.

http://www.orchestrasinfonica.rai.it/docs/Programma_RAI_OSN_2018-19.pdf

I concerti diminuiscono di numero: 22 invece dei 24 della Stagione 2017/18. La parte del leone la fa James Conlon, direttore principale, che dirigerà 7 concerti. Tra le “grandi bacchette” emergono Kirill Petrenko, Christoph Eschenbach, Fabio Luisi. Alcuni ritorni: Andej Boreiko, Pietari Inkinen, Ottavio Dantone, Nikolaj Znaider (sia come solista che come direttore), Omer Weir Wellber, Marc Albrecht. Juraj Valcuha tornerà per un solo concerto. Alcuni giovani direttori al loro debutto (credo) sul podio della OSN: Robert Trevino, Edward Gardner, Constantinos Carydis, Maxime Pascal, Alpesh Chauhan. Tra i solisti il ritorno immediato di Alexander Malofeev e di Seong Jin Cho, poi tornano Sol Gabetta, Arcadi Volodos, Mario Brunello, Beatrice Rana, Giuseppe Albanese. Emmanuel Tjeknavorian, Francesco Piemontesi, Martin Helmchen invece mi pare che siano alla loro prima volta in Rai. Un concerto straordinario fuori abbonamento vede protagonista Martha Argerich. Le proposte sono di grande repertorio con molte repliche ravvicinatissime: Petrenko dirigerà l’Eroica di Beethoven e Vita d’Eroe di R.Strauss appena eseguite nella Stagione appena terminata, le ultime tre Sinfonie di Dvorak sono di recente proposta (chissà perché si continuano a ignorare le prime, eterne assenti?), la Quinta di Shostakovich, la Quinta e la Prima di Mahler, Shéhérazade, il Concerto op.104 di Dvorak, la Sinfonia delle Alpi riecheggiano ancora nella sala… Insomma mancavano l’ennesima riproposta di Petrushka e dell’Uccello di Fuoco per essere al completo. Stavolta niente opera. Conlon si limita a brani sinfonici di Wagner. Rai Nuova Musica questa volta sarà distribuita nel corso della Stagione (forse meglio così, a questo punto ancora meglio abolirla e inserire i brani nei concerti della Stagione ordinaria, almeno a mio giudizio).

Annunci

Alexander Malofeev e Myung-Whun Chung alla OSN Rai

maggio 30, 2018
am1

Alexander Malofeev 

Non ancora diciottenne Alexander Malofeev è un pianista conteso dalle maggiori istituzioni musicali mondiali. Vincitore del primo premio al Concorso Ciaikovskij del 2014 è balzato alla notorietà e da allora si è esibito sui palcoscenici più prestigiosi. Debutta alla OSN Rai con la Rapsodia su un tema di Paganini op.43 di Rachmaninov, pagina di grande virtuosismo, famosa soprattutto per quella XVIII variazione

di cui anche il cinema ha fatto uso: Miklos Rozsa la inserì efficacemente nel film “Storia di tre amori” del 1953, con Moira Shearer che la danza (i giovanotti come me forse la ricordano):

Mi sono spesso domandato se questo uso della sua musica abbia veramente giovato a Rachmaninov: Breve incontro, Quando la moglie è in vacanza, Shine…etc.: mah… Comunque performance come quella di Maloseev le rendono sicuramente giustizia.

am3

Maloseev nella Rapsodia op.43 di Rachmaninov

Applauditissimo il giovanissimo pianista non si è risparmiato e ha concesso due bis: la Dumka op.59 di Ciaikovskij, brano eseguito al Concorso Ciaikovskij del 2014 e per chiudere in fireworks il Precipitato dalla VII Sonata di Prokof’ev, che fa sempre effetto sul pubblico come ben sanno tutti i virtuosi che se lo possono permettere.

am2

Maloseev esegue il Precipitato

Sul podio un atteso ritorno: Myung-Whun Chung.

mwc1

Myung-Whun Chung sul podio della OSN Rai

Il Maestro coreano ha completato la serata con una magistrale interpretazione della Terza Sinfonia di Beethoven. Esecuzione che ha mandato in visibilio il pubblico, stavolta numerosissimo (sold out), a dimostrazione che i grandi interpreti sono un forte richiamo.

appla

Applausi finali a Chung 

©foto M.Vernetti

“Der fliegende Holländer” di Wagner alla OSN Rai

maggio 25, 2018

James Conlon, direttore principale della OSN Rai, avrebbe tra i suoi progetti quello di eseguire Wagner nelle stagioni concertistiche. Lo scorso anno fu la volta della Walkiria: sciaguratamente solo il primo atto, più frustrante che un coitus reservatus; lo so che altre istituzioni ben più blasonate lo propongono, ma è una pratica da evitare, anche se sono quasi rassegnato alla proposta di un secondo del Tristano (già fatto in sede OSN anni fa), del terzo del Siegfried e di quelli dove c’è un grande duetto d’amore… Quest’anno è andata meglio: Der fliegende Holländer, opera di durata ragionevole e contenibile in una serata da concerto. Conlon mi pare che nell’interpretare Wagner si rifaccia alla tradizione di Knappertsbusch, Keilberth…, insomma sonorità roboanti, dinamiche spinte dal mezzo forte in su, temi scolpiti con forte plasticità. I personaggi vengono presentati come miti e spogliati di peculiarità umane, tranne alcuni. Siamo quindi agli antipodi dalla concezione di Karajan e prima di lui Clemens Krauss, Bruno Walter, e in cointemporanea in parte Karl Böhm, in cui la concezione diviene lirica, i personaggi umanizzati, l’orchestra di conseguenza impostata su ben altre dinamiche. Quest’ultima concezione che in passato fece tanto discutere sta oggi un po’ prevalendo forse, dicono i malpensanti, più per la mancanza di cantanti wagneriani dotati di mezzi vocali possenti che per motivazioni interpretative.

JCON

James Conlon

Si parte dunque con un Ouverture scatenata e tale da abbattere qualunque vascello, fantasma o meno. I cantanti sono stati scelti in modo da sostenere tali dinamiche e inserirsi bene in questa concezione “mitica” dell’opera. Su tutti svetta Amber Wagner, che aveva già affrontato il ruolo di Senta a Santa Cecilia nel marzo scorso con Mikko Franck sul podio. Mezzi vocali possenti, tali da sovrastare non solo Erik, ma anche l’Olandese.

AWag

Amber Wagner

L’Olandese è Tómas Tómasson, bene in parte, efficace nel monologo e nei duetti con Daland e Senta.

TOma

Tomas Tomasson

Daland è Kristinn Sigmundsson, per coincidenza islandese come Tómasson, secondo me il più convincente interprete della serata, ma forse dipende anche dal fatto che Daland non viene “mitizzato” ed è lasciato nella sua umanità con debolezze e difetti, peculiarità che il Sigmundsson fa risaltare con efficacia.

KSigm

Kristinn Sigmundsson

Umanità che emerge anche nel Timoniere di Matthew Plenk, molto bravo.

mPlen

Matthew Plenk

Così come nella Mary di Sarah Murphy.

SMur

Sarah Murphy

Rodrick Dixon ha interpretato il ruolo di Erik. Bella voce, parte forse un po’ ingrata, dovendo competere con una Senta dalla voce stentorea.

RDix

Rodrick Dixon

I Cori Filarmonico Slovacco e Maghini hanno dato ottima prova nel primo e soprattutto nel terzo atto.

oe c

Orchestra e Cori

Orchestra in forma smagliante, chiamata a superare una prova non da poco. L’opera è stata eseguita nella versione in tre atti, con un intervallo dopo il primo che ha dato occasione a parte del pubblico di abbandonare, forse scoraggiato dal proseguimento… I superstiti hanno tributato ovazioni calorose agli interpreti.

© foto M. Vernetti

 

Concerto Tabachnik – Lisiecki alla OSN Rai

maggio 12, 2018

Attendevo da tempo Mirga Gražinytė-Tyla, direttrice (o si dovrà adesso dire direttora? boh?!) lituana

Mirga_625

Mirga Gražinytė-Tyla

invece una indisposizione (forse dovuta alla di lei gravidanza) ha portato Michel Tabachnik sul podio della OSN.

mta1

Michel Tabachnik ©M.Vernetti

Il sito della Orchestra scrive di debutto e in senso stretto lo è, ma Tabachnik in realtà sul podio dell’Auditorium Rai diresse la Sinfonica di Torino tra il 1978 e il 1981 almeno cinque volte in più stagioni. Assistente di Pierre Boulez, diresse anche sue composizioni e alternava nei programmi musica del Novecento con i grandi classici di repertorio. I “diversamente giovani” come me che frequentavano i concerti Rai già allora lo ricordano sicuramente. In Tabachnik si sente l’influenza di Boulez nello stile interpretativo, lucido, asciutto, privo di ridondanze, in perfetta aderenza alla partitura. Non è un caso, forse, che abbia diretto Debussy e Bartók, autori molto cari al suo mentore. È vero che erano già in programma per un’altra bacchetta, ma chiamare Tabachnik a sostituirla è stata, a mio giudizio, una scelta molto indovinata. Il Prélude à l’après-midi d’un faune ha avuto il notevolissimo valore aggiunto del flauto di Giampaolo Pretto, nel Concerto per orchestra di Bartók, pagina frequente all’OSN, le singole prime parti hanno avuto modo di mettere in luce tutte le loro altissime qualità in una performance elegante e sobria.

mta2

Michel Tabachnik sul podio della OSN Rai ©M.Vernetti

Jan Lisiecki invece è al suo ritorno nelle Stagioni OSN Rai: due anni fa aveva eseguito il Primo Concerto di Chopin, adesso propone il Secondo op.21. Giovanissimo, 23 anni, si esibisce in tutto il mondo con notevoli successi.

concerto

Jan Lisiecki esegue Chopin alla Rai © M.Vernetti

Chopin è il suo autore prediletto, anche per le origini polacche della famiglia. “La musica di Chopin è così intrisa di un anelito verso la sua terra che, ascoltandola si riesce a penetrare nella sua cultura. Ma come ogni grande artista Chopin è anche universale, le emozioni che riesce a trasmettere arrivano a qualsiasi pubblico del mondo.” “Io sono nato in Canada, ma la mia famiglia è di origini polacche. La prima volta che l’ho suonato a Varsavia, alla prestigiosa Philharmonic Hall, in platea c’erano i miei nonni. Era la prima volta che mi ascoltavano. E stato molto emozionante per loro e anche per me.” (da un’intervista al Corriere).

jli

Jan Lisiecki rispone agli applausi © M.Vernetti

Anche stavolta ha conquistato il pubblico torinese (aveva anche sonato al Regio nel Quarto di Beethoven un paio di anni fa). Come bis lo stesso della volta scorsa: Träumerei da Kinderszenen di Schumann.

applausi

Applausi finali © M.Vernetti

In definitiva una bella serata: rimane almeno in me il cruccio di non aver visto Mirga Gražinytė-Tyla, spero nel futuro…

MGT

Mirga Gražinytė-Tyla

Mark Elder e Stephen Hough alla Stagione Rai

aprile 14, 2018

Sir Mark Elder è, salvo errori, al suo debutto di fatto a Torino. Ho scritto “di fatto” perché un suo concerto programmato nel 2009 al Regio fu annullato per sciopero. Settantanni ben portati, è direttore della Hallé Orchestra di Manchester e della Orchestra of the Age of the Enlightenment. È un ottimo direttore e lo dimostra già nello schierare l’orchestra secondo lo schema classico, opponendo i primi e secondi violini, con le viole a fianco dei primi. Sarò forse un “fissato”, ma è fondamentale nella resa dei brani rispettare l’organico e la disposizione secondo cui furono concepiti dagli autori (tra l’altro, non riesco a capire perché si insista nella disposizione Filarmonica di Berlino, adottata soprattutto da Karajan, con le viole a destra, con cui il grande Maestro creava amalgami sonori di cui le bacchette che si alternano sul podio della OSN non sono neanche lontanamente capaci, tanto vale tornare a quella “stereo” con i violoncelli a destra, come si faceva nel passato remoto, o meglio ancora attenersi a quanto concepito dagli autori). Elder già con questo suscita immediatamente la mia ammirazione. Ancor di più dirigendo magnificamente La colomba selvatica di Dvorák, poema sinfonico ispirato a una ballata di Erben.

Melder 1

Mark Elder sul podio della OSN Rai © M.Vernetti

Stephen Hough era già stato ospite della OSN nel 2004, è un pianista che ama soprattutto il repertorio in cui mettere in luce il suo virtuosismo trascendentale. Allora eseguì Saint-Saëns stavolta Rachmaninov: il Primo Concerto. Grande performance applaudita con calore e insistenza.

Hough 1

Stephen Hough nel I di Rachmaninov © M.Vernetti

Naturalmente bis: non poteva che essere Debussy (visto il centenario), Clair de lune. Ancora applausi e chiamate, ma Hough non replica.

Melder 2

Mark Elder dirige Elgar © M.Vernetti

Seconda parte dedicata a Elgar: le famose Enigma Variations op.36. Bellissima esecuzione con ottima prova dell’Orchestra. Elder raccoglie applausi da pubblico e orchestrali. Li merita e speriamo che torni presto.

applausi

Applausi finali ©M.Vernetti