Archive for the ‘Stagione OSN RAI 2019/20’ Category

La Stagione 2019/20 della OSN Rai

maggio 17, 2019

43545

Presentata oggi e disponibile on line la programmazione dei concerti della futura Stagione della OSN Rai.

http://www.orchestrasinfonica.rai.it/docs/RAI-OSN-2019_programma-def4_web.pdf

Essendo il 2020 il 250° della nascita di Beethoven si dà largo spazio alla sua musica, però confinata in rassegne fuori abbonamento: i Concerti per piano e orchestra con Buchbinder, direttore e solista, in un paio di concerti ad aprile e le Sinfonie nella Stagione di Primavera a giugno affidate a quattro diverse bacchette. Agli abbonati offrono, bontà loro, il premio fedeltà di uno sconto… Nella Stagione ordinaria risalta la presenza del Direttore principale, il ritorno di alcuni ormai “fedelissimi” (Luisi, Valcuha, Albrecht, Shokhakimov, Yamada), la “prima volta” di Harding e Gatti. Molte (forse troppe) riproposte: la Stagione corrente si conclude con la Quinta di Shostakovich, la futura inizia con la stessa Sinfonia (!!!!), si giunge a riproporre il Concerto op.61 di Beethoven ben due volte nella stessa Stagione (il Direttore artistico la considera “una stimolante occasione di confronto”), in compenso si continuano a ignorare pagine mai eseguite. Boh… Gergiev conclude la Stagione, ma il concerto è fuori abbonamento: prassi davvero antipatica, già inaugurata quest’anno con la Argerich, di mettere fuori abbonamento il concerto di maggiore appeal: fa passare la voglia di abbonarsi. In quanto a Beethoven, ero già abbonato nel 1970, anno del bicentenario, e la Rai di allora fece a mio parere di molto meglio: invece della ennesima e forse inutile replica delle Sinfonie e dei Concerti, propose pagine come “Cristo al Monte degli  Ulivi”, la Messa in do maggiore, Re Stefano, Le rovine di Atene, la Leonora in forma di concerto… Tutte in abbonamento ordinario. C’era più rispetto degli abbonati, che sostengono in parte l’Istituzione, c’era anche più fantasia e meno pigrizia nella programmazione.

Annunci