Posts Tagged ‘Beethoven’

Arcadi Volodos e Christoph Eschenbach alla Stagione OSN Rai

febbraio 8, 2019

Doppio ritorno di due grandi interpreti nel nono concerto della Stagione della OSN Rai. Arcadi Volodos è uno dei maggiori pianisti d’oggi. Considerato da alcuni il “moderno Horowitz” per il suo virtuosismo trascendentale, unisce a questa sua eccelsa abilità tecnica una poesia interpretativa che lo rende a mio avviso unico. Ne è stato esempio preclaro l’Intermezzo n.6 op.118 di Brahms eseguito come bis. Quasi impossibile ascoltare di meglio. In programma il Terzo Concerto op.37 di Beethoven. L’intenso lirismo del secondo movimento è stato reso mirabilmente così come il virtuosismo del Rondò finale.

volodos 1

Arcadi Volodos nel Terzo di beethoven

Sul podio Christoph Eschenbach, un mito vivente che da grandissimo pianista è divenuto uno dei più acclamati direttori d’orchestra d’oggi. Per una strana coincidenza fu proprio solista del Terzo Concerto beethoveniano nella sua prima apparizione alla Rai di Torino nell’ormai lontano 1971, dirigeva Vittorio Gui. Concerto che ricordo ancora nonostante siano passati molti anni. Voglio allegare la recensione di Massimo Mila su La Stampa:

la stampa 14.11.71

volodos eschenbach

Applausi a Volodos ed Eschenbach

Volodos agli insistenti e calorosi applausi ha concesso ben tre bis: oltre l’Intermezzo op.118 n.6 citato prima, un brano di Mompou “Jeunes filles au jardin” e il brevissimo, telegrafico Prelude op.2 n.2 di Scriabin per concludere.

eschenbach 2

Christoph Eschenbach

Il Concerto beethoveniano è stato racchiuso tra due pagine di Dvořák: l’Ouverture Karnaval e l’Ottava Sinfonia op.88. L’ouverture fa parte del trittico Natura, vita e amore, che a mio modestissimo parere andrebbe eseguito per intero, ma di prassi non avviene così (alla OSN avvenne solo una volta, da segnare sugli annali). Karnaval è la più eseguita e famosa. Eschenbach ne ha dato una interpretazione brillante e travolgente.

eschenbach 1

Eschenbach dirige Dvořák

Nei miei primi approcci con Dvořák la numerazione delle sue sinfonie non comprendeva le prime quattro. Insomma l’Ottava era la Quarta. Poi nel corso degli anni 60 del secolo scorso si iniziò a comprenderle, a inciderle (Kertesz, Rowicki, Kubelik), a eseguirle. Be’ alla Rai di Torino hanno cambiato la numerazione, ma di eseguire le prime quattro non se ne parla (fu eseguita “pionieristicamente” la Seconda nel 1965, la Prima, la Terza e la Quarta mai, a quanto mi consta). Avevo sperato in Conlon, che di Dvořák è un cultore, ma mi sembra che i suoi interessi siano tanti, al punto che se dovesse portarli tutti a termine il suo incarico dovrebbe durare un quarto di secolo almeno. Insomma anche in questa Stagione spazio a Dvořák, ma come al solito Settima, Ottava e Nona. Se non altro si cambia il direttore. Stavolta Eschenbach che dell’Ottava ha dato una interpretazione che mi pare sottolineasse più le ascendenze brahmsiane del sinfonismo dvořákiano che non l’elemento folclorico. Grandi ovazioni finali, come si deve a un grande.

applausi finali

Applausi finali

(foto di M.Vernetti)

Annunci

Riccardo Muti prova la Settima di Beethoven su Rai 5

novembre 8, 2018

rmu

Stasera su Rai 5 riprende il ciclo di prove d’orchestra che vede Riccardo Muti sul podio della Orchestra Giovanile Cherubini. Si inizia con le prove della Settima Sinfonia di Beethoven.

Concerto Luisotti – Devieilhe da Santa Cecilia su Rai 5

giugno 7, 2018

Stasera in prima serata su Rai 5 andrà in onda un concerto eseguito all’Auditorium Parco della Musica nello scorso aprile con Nicola Luisotti sul podio dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia e Sabine Devieilhe, soprano solista in alcune arie mozartiane.

dlui1

Sabine Devieilhe e Nicola Luisotti a S.Cecilia ©Musacchio e Ianniello

La Devieilhe, nata in Normandia 32 anni fa, si è messa in luce nel repertorio barocco francese, ma ha impressionato soprattutto la sua performance nel ruolo della Regina della Notte nel Flauto Magico a Lione e Parigi.

Nel concerto in onda eseguirà le arie “Vorrei spiegarvi oh Dio” K 418
“Alcandro, lo confesso – Non sò, d’onde viene” K 294
“Popoli di Tessaglia – Io non chiedo eterni dei” K 316

Il Concerto si apre con la Sinfonia n.8 di Beethoven e si chiude con la Settima di Prokof’ev.

lui

Nicola Luisotti ©Musacchio e Ianniello

 

 

 

 

Alexander Malofeev e Myung-Whun Chung alla OSN Rai

maggio 30, 2018
am1

Alexander Malofeev 

Non ancora diciottenne Alexander Malofeev è un pianista conteso dalle maggiori istituzioni musicali mondiali. Vincitore del primo premio al Concorso Ciaikovskij del 2014 è balzato alla notorietà e da allora si è esibito sui palcoscenici più prestigiosi. Debutta alla OSN Rai con la Rapsodia su un tema di Paganini op.43 di Rachmaninov, pagina di grande virtuosismo, famosa soprattutto per quella XVIII variazione

di cui anche il cinema ha fatto uso: Miklos Rozsa la inserì efficacemente nel film “Storia di tre amori” del 1953, con Moira Shearer che la danza (i giovanotti come me forse la ricordano):

Mi sono spesso domandato se questo uso della sua musica abbia veramente giovato a Rachmaninov: Breve incontro, Quando la moglie è in vacanza, Shine…etc.: mah… Comunque performance come quella di Maloseev le rendono sicuramente giustizia.

am3

Maloseev nella Rapsodia op.43 di Rachmaninov

Applauditissimo il giovanissimo pianista non si è risparmiato e ha concesso due bis: la Dumka op.59 di Ciaikovskij, brano eseguito al Concorso Ciaikovskij del 2014 e per chiudere in fireworks il Precipitato dalla VII Sonata di Prokof’ev, che fa sempre effetto sul pubblico come ben sanno tutti i virtuosi che se lo possono permettere.

am2

Maloseev esegue il Precipitato

Sul podio un atteso ritorno: Myung-Whun Chung.

mwc1

Myung-Whun Chung sul podio della OSN Rai

Il Maestro coreano ha completato la serata con una magistrale interpretazione della Terza Sinfonia di Beethoven. Esecuzione che ha mandato in visibilio il pubblico, stavolta numerosissimo (sold out), a dimostrazione che i grandi interpreti sono un forte richiamo.

appla

Applausi finali a Chung 

©foto M.Vernetti

Europakonzert 2018 dei Berliner Philharmoniker su ARD

maggio 1, 2018
bay_oper450

La Markgraefliches Opernhaus di Bayreuth

In diretta tv su ARD o in diretta streaming sulla Digital Hall (per gli abbonati) alle 11:00 il rituale concerto dei Berliner Philharmoniker, quest’anno dalla Markgräfliches Opernhaus di Bayreuth. Dirige Paavo Järvi, solista Eva Maria Westbroek. In programma Beethoven (Leonora n.3 e Quarta Sinfonia) e Wagner (Wesendonck Lieder).