Posts Tagged ‘de Falla’

Serata Martha Argerich con la OSN Rai su Rai 5

maggio 22, 2019
50921793_2230890203642608_1374152482590031872_n

Martha Argerich con Enrico Fagone risponde agli applausi ©M.Vernetti

È del 29 gennaio scorso il concerto che domani sera trasmetterà Rai 5. Vede il ritorno di Martha Argerich all’Auditorium Toscanini. Fu concerto “straordinario” nel senso che non era in abbonamento. Una prassi che ha preso piede nella nuova gestione dei Concerti della OSN: anche nella futura stagione il concerto diretto da Gergiev sarà fuori abbonamento.

51276861_2230889523642676_6465738424182636544_n

La Argerich all’Auditorium Toscanini ©M.Vernetti

Nel concerto in programma la Argerich esegue il I Concerto di Franz Liszt e l’Ouverture su temi ebraici di Prokof’ev.

ouverture

Esecuzione dell’Ouverture su temi ebraici ©M.Vernetti

Sul podio Enrico Fagone che dirige le due suite da El sombrero de tres picos di De Falla.

fagone

Enrico Fagone ©M.Vernetti

 

Annunci

Passione e folclore alla Stagione OSN Rai con Anita Rachvelishvili e Maria Toledo. Dirige Josep Pons

dicembre 4, 2015

El amor brujo di Manuel de Falla ha compiuto cento anni, almeno nella sua forma originale di gitaneria per piccola orchestra e cantaora, quella che l’Autore compose per Pastora Imperio. In questa forma è stata proposta all’Auditorium Toscanini per la Stagione della OSN Rai. Sul podio uno specialista del repertorio, il direttore catalano Josep Pons, che questa versione aveva già inciso per l’Harmonia Mundi.

Josep Pons © Più Luce

Maria Toledo, cantaora dalla voce seducente e dal fascino prorompente, è stata interprete vocale irresistibile: 

Maria Toledo all’Auditorium Rai nel El Amor Brujo © Più Luce

«El amor brujo è scritto alla perfezione per essere cantato da una voce flamenca: consente di valorizzare i miei quejíos, il mio modo specifico di costruire il lamento. E nel personaggio di Candela posso esprimere col mio canto l’odio e l’amore, tutta la potenza passionale di noi donne!» (intervista a Sistema Musica).

Maria Toledo © Più Luce

Credo che in questa versione originale si tratti di una prima esecuzione Rai a Torino [non ne sono certo poiché manco di dati sicuri, ma sono quasi convinto che le precedenti fossero o la versione del 1916 per orchestra allargata e voce di mezzosoprano o la suite dal balletto del 1925, tanto è vero che la presentazione, riciclata, nel programma di sala fa riferimento a queste (ma non si poteva scrivere ex novo?!)]. Aggiungo che questa versione a mio parere è di gran lunga più bella delle successive, soprattutto se così ben eseguita.

Esecuzione de El amor brujo alla OSN Rai © Più Luce

Ma El amor brujo non era la sola attrattiva della bellissima serata, c’erano anche le Siete canciones populares españolas di de Falla orchestrate da Luciano Berio e soprattutto c’era lei:

Anita Rachvelishvili © Più Luce

Anita Rachvelishvili. Nel 2009, a soli 25 anni, fu una rivelazione con Carmen alla Scala, oggi è uno dei mezzosoprani più affermati e applauditi nel mondo dell’opera. Grande personalità, voce stupenda e intelligenza interpretativa: qualità emerse anche nelle brevi canciones di de Falla. «Le Siete canciones di Falla sono musica da camera che già richiede, in generale, un approccio vocale completamente diverso da quello operistico. In questo caso poi cambia anche lo stile: è indispensabile rifarsi al flamenco, usare proprio un’altra posizione della voce e un altro tipo di tecnica. Io conduco da tempo varie ricerche sulla vocalità, esplorando anche il jazz per esempio, o il tango, che porto spesso in concerto in giro per il mondo con una mia band. Qui si tratta del flamenco, che come canto mi affascina da tempo e che appena posso vado ad ascoltare dal vivo» (intervista a Sistema Musica).

Anita Rachvelishvili canta le Siete canciones populares di de Falla/Berio © Più Luce

Grande successo di pubblico con ovazioni al termine.

Applausi alla Rachvelishvili e alla OSN Rai © Più Luce

Il concerto è iniziato con le Quattro Danze dal balletto Estancia di Alberto Ginastera, magistralmente dirette da Josep Pons sul podio della OSN Rai.

L’OSN Rai diretta da Josep Pons esegue le Quattro Danze da Estancia di Ginastera © Più Luce