Posts Tagged ‘Don Pasquale’

“Don Pasquale” di Donizetti (Ravenna,2006) su Rai 5

luglio 13, 2017

Stasera su Rai 5 andrà in onda il Don Pasquale che Riccardo Muti diresse a Ravenna nel 2006.

Presentazione del concerto in memoria di Luciano Pavarotti

Riccardo Muti

L’opera buffa non è molto congeniale al Maestro e il Don Pasquale (come il Falstaff) è una delle sue rare incursioni nel genere. Opere che comunque hanno un fondo di amarezza che Muti non manca di sottolineare.

don_pasquale_083.jpg

Claudio Desderi

La regia dello spettacolo è di Andrea De Rosa, i costumi di Gabriella Pescucci. Il cast:

Don Pasquale Claudio Desderi 
Dottor Malatesta Mario Cassi 
Ernesto Francisco Gatell 
Norina Laura Giordano 
Un notaro Gabriele Spina

IMG_0909

Laura Giordano e Claudio Desderi

Una recensione dello spettacolo:

http://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/ravenna-teatro-alighieri-don-pasquale

IMG_5708

I protagonisti in una scena dell’opera

Esistono CD e DVD dello spettacolo:

101303

Annunci

DON PASQUALE di Donizetti (Scala,1994) su Rai 5

settembre 17, 2016

locandina

Domani andrà in onda una edizione del Don Pasquale di Donizetti rappresentato alla Scala nella stagione 1993/94. Riccardo Muti sul podio, Stefano Vizioli alla regia. Ferruccio Furlanetto, Lucio Gallo, Nuccia Focile, Gregory Kunde, Claudio Giombi nel cast vocale.

furlafocile

Ferruccio Furlanetto e Nuccia Focile © E.Piccagliani

La regia di Vizioli sarà ripresa successivamente a Cagliari (fu trasmessa in tv anche dalla stessa rete) con altro cast e direttore.

galfurkun

Lucio Gallo, Ferruccio Furlanetto e Gregory Kunde © E.Piccagliani

Il Don Pasquale è un’opera che Muti predilige in modo particolare, come dice in una intervista rilasciata ad Angelo Foletto su La Repubblica:

DON Pasquale di Donizetti è il punto d’ arrivo di un’ intera civiltà musicale che aveva preso le mosse da una doppia tradizione: la scuola napoletana e Mozart”. Lo sostiene Riccardo Muti, che di tale doppia tradizione è da decenni l’ interprete più appassionato e autentico. Nei primi anni di carriera, in collaborazione con l’ orchestra “Scarlatti” della Rai, Muti aveva esplorato in più occazioni l’ operismo comico napoletano, manifestando una vocazione felice per il genere. Quel filone, promesso come futuro interesse e già allargato alla commedia per musica (il pergolesiano Lo frate ‘ nnamorato), è stato poi lasciato un po’ in disparte. Obbedendo anche a una sorta di personale inclinazione espressiva: “nell’ intimo sarei sempre disponibile al sorriso, ma il tipo di educazione che ho avuto mi porta a sentirmi a mio agio con la severità”, dice Muti, “la maggiore familiarità col repertorio drammatico forse dipende anche da ciò”. L’ eccezione? La trilogia Da Ponte-Mozart e Don Pasquale, appunto, opera da sempre legata alle affermazioni professionali di Muti. “Partitura fantastica. Prodigiosa per la continuità e il livello dell’ invenzione. Una musica sempre limpida e efficace, senza cedimenti di tensione o di bellezza ispirativa”. Già diretto da Muti a Firenze, quindi scelto nel 1971 come titolo per il trionfale esordio al Festival di Salisburgo (e alcuni anni dopo per una rivelatrice esecuzione discografica) il capolavoro donizettiano – “proprio l’ opera dove mi divertirò”. – Oggi si offre alla Scala in una nuovissima edizione, a un decennio esatto dall’ ultimo allestimento. Il 17 aprile 1843, quattro mesi dopo la prima parigina, Don Pasquale iniziava la sua (non ricchissima, per la verità) vicenda scaligera. La celebrazione un po’ in ritardo del 150enario avviene sotto i migliori auspici artistici. Intanto è la prima volta che la delicata e sfavillante partitura viene presentata dal direttore musicale della Scala (troviamo soltanto Gino Marinuzzi tra il 1935 e il 1943, nell’ edizione del centenario), a fare da guida a un cast di voci non debuttanti ma sicuramente nuove, ordinate in due cast che si intrecceranno nelle prossime tredici recite. Muti, che la settimana prossima affronterà un’ altra partitura capitale come La Creazione di Haydn, per la serata di oggi – trasmessa come solito in diretta da Radiotre – ha scelto Ferruccio Furlanetto (Don Pasquale), Nuccia Focile (Norina), Lucio Gallo (Malatesta) e Gregory Kunde (Ernesto); nelle repliche canteranno Bruno De Simone, Eva Mei, Roberto Frontali e Vicente Ombuena. In una sorta di scatola componibile, che si apre e richiede silenziosamente ricreando i vari ambienti romani e borghesi previsti dal libretto, correrà la regìa di Stefano Vizioli. Nel suo debutto milanese ha voluto al fianco i consueti collaboratori (la scenografa Susanna Rossi Jost e la costumista Roberta Guidi Di Bagno). © La Repubblica

focigal

Nuccia Focile e Lucio Gallo © Lelli & Masotti

Lo spettacolo non ebbe gran successo come rileva la recensione di Michelangelo Zurletti:

Riccardo Muti ha dichiarato due giorni fa al nostro giornale che intimamente sarebbe disponibile al sorriso ma che per educazione ha imparato a sentirsi più a suo agio con la severità. E aggiungeva: “La maggiore familiarità col repertorio drammatico forse dipende da ciò”. Da ciò dipende anche, per conseguenza, l’ approccio assai cauto al sorriso. Naturalmente si tratta di vedere quanto in un’ opera come Don Pasquale si debba al sorriso e quanto alla severità, fermo restando che un po’ di sorriso ci debba essere. Gaetano Donizetti, che si intendeva di tragedie ma anche di commedie, e perfino di farse, intitolò Don Pasquale dramma buffo, con ciò attestandosi su un crinale che contempla i due versanti, del buffo e del severo: com’ era successo a Mozart con le opere scritte con Da Ponte. Il preambolo spiega perché nel Don Pasquale scaligero si sorrida assai poco (come, non a caso, nel Don Giovanni di Muti). La leggerezza c’ è, ma va tutta a vantaggio delle parti malinconiche: magnifiche torniture di frasi, ampi respiri, sospensioni opportune, tempi giusti. Ma non si leva il sorriso. Anche l’ orchestra macina la partitura sensa verve e senza gusto. In qualche momento, come nel coro di servi e camerieri, sembra che la commedia sia raggiunta, ma è di breve durata. E la sensazione prevalente è che un eccessivo controllo renda l’ esecuzione troppo rigida. Talvolta converrebbe sciogliere le briglie ai cantanti e lasciarli andare. Concedendogli magari anche qualche acuto, non foss’ altro alla fine delle arie, delle scene, degli atti. Senza queste concessioni atletiche si rischia un raffreddamento della tensione, non compensato dal successo filologico (e non ci pare che in simili partiture si possa esercitare troppa filologia: e comunque c’ è anche quella dello spirito). Anche lo spettacolo di Stefano Vizioli si mantiene prudentemente distante dalla commedia. Qualche idea, come la teoria dei cappelli in bella mostra snocciolata su una tavola lunghissima portata a spalla come in uno spot di biscottini, o il tavolo da cucina dei cuochi lungo quanto il palcoscenico scaligero, è buona, ma non basta a fare uno spettacolo vivace. Non aiutano Vizioli le scene, ingegnose tecnicamente ma tutt’ altro che belle di Susanna Rossi Jost (costruite anche con la mano sinistra: porte che non si aprono, incastri imprecisi). E, fin dall’ inizio, quando vediamo Don Pasquale intento a esaminare un pezzo d’ antiquariato, con un’ imponente libreria alle spalle, c’ è qualcosa che non va. Se Don Pasquale ha letto anche una minima parte di quei libri, se distingue un busto dall’ altro, non può essere tanto babbione. E se “L’ azione si finge a Roma” perché trasportarla a Fregene? Belli, invece, e ironici, i costumi di un Impero cromaticamente rivisitato, di Roberta Guidi di Bagno. Anche la compagnia di canto, pressata dal timore di svendersi del direttore e la prudenza di Vizioli, non ha dato quel che poteva dare. Ferruccio Furlanetto, anche se un po’ spaesato negli scioglilingua, esce abbastanza bene dalla prova. Esce bene, anche se fortemente contrastato dal solito impossibile loggione, Gregory Kunde, che ha un filo di voce ma bel fraseggio e nobiltà di canto. Nuccia Focile, anche lei innervosita dai mugugni del loggione è l’ unica che si avvicini alla commedia e si mostra un tipetto assai vivace, con qualche problema di intonazione, soprattutto nelle fioriture alte. Lucio Gallo è un Malatesta sempre attendibile Claudio Giombi è un Notaio decoroso. Fischi, alla fine, ma anche applausi. © La Repubblica

 

applausi

Gli artisti agli applausi © Lelli & Masotti

Muti rispose alle contestazioni dichiarandosi fiero del suo Don Pasquale:

“Non cerco il consenso a tutti i costi, sia chiaro” ha esordito, “e non resto alla Scala perché me l’ ha ordinato il medico, ma con l’ appoggio pieno dell’ Orchestra e del Coro, che per me conta molto. Penso di dedicare ancora qualche anno di vita a questo teatro, cercando di migliorare la qualità del lavoro, ma mi piacerebbe che anche il pubblico sapesse ascoltare in modo critico, maturo e consapevole, proprio di una città colta, e non desse prova di un fanatismo incontrollato. Vorrei che svanisse quell’ immagine folcloristica con cui noi italiani siamo conosciuti nel mondo. E che adesso rischia di coinvolgere la Scala e il suo pubblico. Dopo i fischi al Don Carlo, il ‘ Times’ scrisse che il loggione aveva mostrato una ‘ subcultura’ . Questo è negativo”. Muti ha difeso senza riserve la prova degli interpreti e la regia. “Ringrazio Vizioli per lo splendido spettacolo che ha fatto; forse il suo difetto è quello di essersi diplomato a pieni voti in pianoforte al Conservatorio di Napoli: ha costruito la regia sulla musica, ed è quello che andava fatto. Chi non la pensa così, perché non va a vedere quelle messe in scena del Don Pasquale, dove la gente non ascolta nemmeno la musica di Donizetti, ma si sollazza con le trovate comiche dei registi? L’ opera ha invece in sé anche un’ importante vena di malinconia, che deve trasparire. Questa è la nostra musica, la nostra cultura. Io mi sforzo di rendervi omaggio affinché venga ben compresa nel mondo. Mi sento responsabile del lavoro dei cantanti, che condividono con me un difficile lavoro. Quello che ho diretto è uno dei possibili modi di fare il Don Pasquale, ma è un modo serio e a lungo pensato. Provo un moto di rifiuto quando vedo che l’ impegno degli artisti viene svillaneggiato”. Per il direttore è una questione morale: “Non abbiamo bisogno del consenso, ma del rispetto. E nel momento in cui viviamo, mi sembra che in Italia si stia perdendo il senso del rispetto in tutti i rapporti umani”. Anche in loggione però qualcuno si lamenta della mancanza di rispetto. Sono quelli che protestano perché le gallerie sono ormai da tempo frequentate da carabinieri in borghese, un “servizio d’ ordine contro i provocatori”, dicono in teatro, che contribuisce però a creare un clima d’ assedio. “E’ vero che ci sono gli esagitati e i fischi organizzati” ha detto un loggionista, che si considera moderato, “ma così si rischia di peggiorare la situazione, soprattutto in vista del Rigoletto: c’ è già aria di fronda, prima ancora dell’ inizio delle prove”. Un problema che evidentemente Muti, in procinto di dirigerlo a maggio, si è già posto. “Ognuno vive Verdi come fosse un tempio” ha detto ieri, “e lo vuole ascoltare come meglio crede. Per questo la sua esecuzione richiede sforzo, sacrificio, coraggio. E così l’ affronterò, ma con il rigore che gli è dovuto”. © Manuela Campari/ La Repubblica

DON PASQUALE di Donizetti su Arté

febbraio 17, 2012

Stasera su Arté alle 22:10, in lieve differita, dal Théâtre des Champs Elisées di Parigi il Don Pasquale di Donizetti. L’opera sarà diretta da Enrique Mazzola e avrà come protagonisti Alessandro Corbelli nel ruolo eponimo, Désirée Rancatore in quello di Norina, Francesco Demuro sarà Ernesto, Gabriele Viviani il Dr.Malatesta. La regia è di Denis Podalydès. Qualche anticipazione dello spettacolo:

Lo spettacolo sarà visibile anche in streaming sul sito di Arté.

__________________________________

Molto bella la parte musicale con uno strepitoso Alessandro Corbelli. Meno convincente l’allestimento, almeno secondo me, in cui (chissà perché) Don Pasquale è un ambulante di lampadari e lampadine, attività che lo avrebbe presumibilmente arricchito. La scena è occupata da un furgone Citroen targato Roma (unico riferimento all’ambientazione originaria dell’opera) che è lo strumento di lavoro del protagonista, che vi dorme. Boh? La fantasia dei registi quando affrontano la lirica non conosce confini… Comunque la direzione dei cantanti sulla scena è molto efficace e poiché ormai sono vaccinato contro le stramberie sui palcoscenici dell’opera, superata la prima mezzora non ci ho fatto più caso.

DON PASQUALE di Donizetti (Cagliari,2002) su Rai 5

gennaio 14, 2012

Una bella edizione del Don Pasquale di Gaetano Donizetti andrà in onda domani 15 gennaio 2012 su Rai 5 con inizio (stavo per scrivere “partenza”) alle 09:48. La regia è di Stefano Vizioli, la direzione di Gerard Korsten. Produzione del Comunale di Bologna, ripresa al Teatro Lirico di Cagliari nel 2002. Un bel cast vocale che vede Alessandro Corbelli nel ruolo eponimo,

Alessandro Corbelli in Don Pasquale a Cagliari

Eva Mei nel ruolo di Norina,

Eva Mei (Norina al lirico di Cagliari)

Antonino Siragusa nel ruolo di Ernesto,

Antonino Siragusa nel ruolo di Ernesto

Roberto De Candia è il Dottor Malatesta.

Roberto De Candia come Dottor Malatesta a Cagliari

Allestimento tradizionale, senza stramberie: non farà discutere, ma assicura due ore di sano divertimento.

Alessandro Corbelli (Don Pasquale dopo lo "schiaffo" di Norina)

 

DON PASQUALE di Donizetti inaugura la Stagione lirica al Teatro Superga di Nichelino (TO)

novembre 14, 2011

Il Teatro Superga di Nichelino

Si è inaugurata sabato 12 novembre la 11ª Stagione Lirica del Teatro Superga di Nichelino. Un titolo che era già presente nel cartellone della Stagione 2009/10, ma non si è trattato di una ripresa, quanto di un nuovo allestimento. Don Pasquale di Gaetano Donizetti, “dramma buffo”, ma in cui il comico si vena spesso di malinconia: come nell’inizio del secondo atto, con l’assolo di tromba che introduce l’aria di Ernesto o nel terzo atto nel momento dello schiaffo, in cui il vecchio buffo finisce col divenir patetico e suscita compassione e la comicità diventa elegia. Si è quindi lontani dalla comicità e dal nonsense rossiniani, anche se rimangono alcuni elementi, come il vertiginoso sillabato del I quadro del terzo atto. L’edizione proposta è della Compagnia “Fantasia in re” che in questa Stagione avrà una proficua collaborazione col Teatro Superga portando altri allestimenti. Allestimento nel solco della tradizione, anche se l’ambientazione del I quadro all’esterno di un bar richiamava la produzione di Slater vista al Teatro di Ginevra. Soluzioni intelligenti per accelerare i cambi di scena senza interrompere lo spettacolo. Una regia, curata da Maura Ippoliti, che non esagerava gli aspetti “buffi” dando la giusta connotazione di commedia borghese all’opera. Nel cast vocale svettava la Norina spiritosa e spigliata della giovane Scilla Cristiano,

Scilla Cristiano

soprano bolognese di ottima scuola (Banditelli, Matteuzzi, Desderi, D’Arcangelo…) e vincitrice di numerosi concorsi internazionali. Accanto a lei l’Ernesto di Ricardo Mirabelli,

Ricardo Mirabelli

tenore argentino, che ha studiato con Luigi Alva e Rockwell Blake e che da più di vent’anni calca i palcoscenici intenazionali affrontando ruoli mozartiani e rossiniani. Don Pasquale era Romano Franceschetto, baritono fidentino che proprio nel Don Pasquale debuttò nel 1992 e che si è specializzato nei ruoli di “buffo”.

Romano Franceschetto

Mantiene la giusta misura senza calcare gli aspetti buffi e sa rendere umano e patetico il personaggio. Malatesta era il simpatico Filippo Bettoschi,

Filippo Bettoschi

giovane baritono specializzato nel repertorio buffo. Completava il cast Giacomo Gandaglia nel ruolo del Notaio. Ottimo il Coro dell’Opera di Parma sotto la guida di Emiliano Esposito e, come sempre, di alto livello l’Orchestra Sinfonica Cantieri d’Arte sotto la bacchetta esperta di Marco Dallara.

A costo di ripetermi, rivolgo un ennesimo plauso e una lode al Comune di Nichelino, che in un periodo di crisi economica e di tagli spietati alla cultura e in modo particolare al mondo della musica classica e lirica, prosegue nella sua opera di innalzamento culturale dei propri cittadini con un ricco cartellone di prosa e con otto serate di Stagione Lirica. Una felice eccezione, un esempio più unico che raro nell’Italia odierna.