Posts Tagged ‘musica’

FESTIVAL VIVALDI a Torino

aprile 5, 2017

vivaldif

Se lo scorso anno il mese d’aprile fu dedicato ad Alfredo Casella quest’anno sarà dedicato ad Antonio Vivaldi. L’occasione nasce anche qui da una rappresentazione operistica al Teatro Regio: L’incoronazione di Dario. Le istituzioni musicali torinesi hanno creato un vero e proprio festival con concerti, mostre, incontri a datare da oggi fino al 23 aprile. Ecco il programma che si può anche scaricare:

http://www.comune.torino.it/festivalvivaldi/pdf/festival-vivaldi-programma.pdf

Annunci

È morto Georges Prêtre

gennaio 5, 2017
pretre

Georges Prêtre

Georges Prêtre ci ha lasciato per sempre. Aveva 92 anni ed era ancora in attività: era atteso alla Scala il prossimo marzo per tre concerti. Rimando a un articolo che scrissi in occasione del suo 87° compleanno:

https://musicofilia.wordpress.com/2011/08/14/georges-pretre/

Rai 5: Classica missing?

dicembre 5, 2016

rai-5-b

Ho constatato che l’appuntamento meridiano di musica classica su Rai 5 è scomparso. È vero che come qualcuno lamentava erano ormai repliche delle repliche, però meglio di niente. È un brutto segnale che si aggiunge al trasferimento su Rai 1 della inaugurazione della Scala. In più quelle “dirette” del format “Nessun dorma”, che si annunciavano numerose, dopo un inizio promettente si sono ridotte notevolmente e Bernardini salutando dal Tristano con l’invito a stare svegli non ha detto fino a quando…. Dei concerti della OSN è stato trasmesso solo quello inaugurale, poi nulla… Lo scorso anno la programmazione era più ricca, che si stia tornando alla dieta di qualche anno fa?

Guido Cantelli 60 years

novembre 24, 2016

guido_cantelli_001

60 anni fa, il 24 novembre 1956, Guido Cantelli periva a soli 36 anni di età nel rogo dell’aereo diretto negli USA dove doveva dirigere alcuni concerti con la New York Philharmonic. Solo un mese prima era stato nominato direttore del Teatro alla Scala di Milano. Ricordo benissimo la notizia della morte di Cantelli, sebbene fossi ancora un ragazzino, poiché in una famiglia di melomani come la mia fu vissuta come un lutto.

Dopo 60 anni Guido Cantelli vive nel ricordo di tutti coloro che amano la grande Musica.

565493201

Resti dell’aereo DC-6B della LAI ad Orly dopo l’incidente in cui perse la vita Guido Cantelli © Getty Images

“Le nozze di Figaro” di Mozart dal Teatro alla Scala su Rai 5

novembre 2, 2016
Figaro

© Brescia e Amisano

Stasera a partire dalle 19:55 su Rai 5 in diretta dal Teatro alla Scala Le nozze di Figaro di Mozart nel nuovo allestimento firmato Frederic Wake-Walker. Direttore Franz Welser-Möst. Interpreti principali: Carlos Alvarez, Markus Werba, Diana Damrau, Golda Schulz, Marianne Crebassa, Anna Maria Chiuri, Andrea Concetti, Kresimir Spicer, Theresa Zisser.

nozze-2

© Brescia e Amisano

Lo spettacolo subentra all’allestimento “storico” di Strehler: non ha suscitato particolari entusiasmi, neanche dal punto di vista musicale.

http://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/milano-teatro-alla-scala-il-dubbioso-debutto-della-nuova-produzione-delle-nozze-

E Alberto Mattioli su La Stampa del 28 Ottobre u.s.:

A memoria, dovrebbe essere il primo caso di sesso orale visto sul palcoscenico della Scala. Siamo all’ultimo atto delle Nozze di Figaro di Mozart. Susanna ancora travestita da Contessa sollazza Figaro con cui si è appena rappacificata, suscitando la gelosia del Conte. Ovvio che non si veda nulla di porno, anzi che non si veda quasi nulla di nulla. Loro sono un po’ arretrati, Figaro è allungato su una sedia, davanti ne ha delle altre, e Susanna è china di fronte a lui. Inequivocabile ma allusivo.
In ogni caso, nessuno scandalo, forse perché il pubblico era stremato dalla direzione di Franz Welser-Möst, peraltro l’altra sera più vispo del solito, oppure perché era una prima fuori abbonamento per un pubblico di stranieri che mettevano piede per la prima volta alla Scala e magari all’opera, quindi di bocca buona (ops!).
E poi non è nemmeno una novità assoluta. Di simili pratiche se ne sono già viste, anzi intuite, nella Carmen di Bieito, transitata anche al Regio di Torino (Mercédès – o Frasquita – a uno dei contrabbandieri, dietro a una Mercedes, intesa come l’auto) e nella Salomedi McVicar al Covent Garden (lei a Erode fuori scena, dopo che erano caduti tutti e sette i veli). E non parliamo di certo Novecento spregiudicato, tipo il Grand Macabre di Ligeti.
In ogni caso, l’exercice de fellation era il momento meno osceno della regia di Frederic Wake-Walker, che ha montato alla Scala la più orrenda produzione dell’era Pereira. Al confronto la paleolitica Zauberflöte di Peter Stein era una boccata d’aria fresca. Non si è capito con esattezza dove l’ignoto britanno volesse andare a parare, però una cosa è certa: delle Nozze non ha capito nulla. E ha trasformato la più bella commedia di tutti i tempi in una farsa sgangherata. Già quella del teatro nel teatro è la tipica idea dei registi che non hanno idee. Peggio se si concretizza in un suggeritore tabaccoso parcheggiato in un angolo della scena e in un gruppo di mime nerovestite che intervengono a sproposito nell’azione. Ogni personaggio, e Dio sa quanto quelli delle Nozze siano veri, umani, autentici, diventa una macchietta, Figaro sempre saltellante, Bartolo sempre sballonzolante, Cherubino sempre volteggiante, ah ah ah, che ridere.
Scene e costumi, di Anthony McDonald, di livello equivalente. Basti dire che il Conte è vestito da semaforo, scarpe verdi, calze gialle, culotte rossa, e nel finale a torso nudo perché, si sa, è sempre infoiato. Per carità, non si tiri fuori la querelle degli antichi e dei moderni. Questo spettacolo tutto è men che moderno. Umilia le Nozze a una serie di gag, castiga Mozart nella funesta categoria del «carino» e non riesce nemmeno a essere davvero camp come forse ambiva. In un teatro, peraltro, dove i veri grandi registi d’opera di oggi si vedono pochissimo.
Peccato per gli interpreti, tutti più o meno bravi. Ma si sono prestati a questa boiata pazzesca, e non li nominiamo nemmeno. © La Stampa

Attenzione: nell’immediato non sono previste repliche.

———–

figaro

© Brescia e Amisano

Non so quanto la ripresa tv rendesse l’idea dello spettacolo: credo che almeno un quarto di esso venisse sacrificato dalle scelte di regia televisiva, per cui risultava forse meno comprensibile che in sala. Ma probabilmente anche chi curava la ripresa tv sarà rimasta disorientata da uno spettacolo abbastanza caotico e irrisolto. Tra gli intervistati c’era chi diceva “troppa carne al fuoco”, altri “il regista non ha osato molto”, nessuno si è espresso come il rag. Fantozzi:

e forse bisognerebbe cominciare nei teatri d’opera a definire in modo efficace e pertinente le sciocchezze che ci vengono presentate da registi che pretendono di saperne più di Mozart e Da Ponte in fatto di teatro.