Posts Tagged ‘Prokof’ev’

ROMEO E GIULIETTA di Prokof’ev (Milano,2017) su Rai 5

gennaio 10, 2019

locandina

Stasera in prima serata Rai 5 replicherà Romeo e Giulietta di Prokof’ev nella edizione andata in scena alla Scala nel gennaio 2017 e diffusa in diretta il 15 gennaio 2017 nei cinema e in lieve differita alle 21:15 in tv.

bolle copeland

Roberto Bolle e Misty Copeland © Brescia & Amisano

L’interesse principale è la presenza di Roberto Bolle nel ruolo di Romeo e di Misty Copeland nel ruolo di Giulietta.

copeland bolle

Misty Copeland e Roberto Bolle © Brescia & Amisano

La coreografia è quella di Kenneth MacMillan (ripresa con poche variazioni da Julie Lincoln): è un classico intramontabile e si rivede sempre con immenso piacere.

finale

Scena finale © Brescia & Amisano

Chi non l’avesse visto non lo perda, chi l’avesse già visto lo riveda: ne vale la pena. Rimando al post del 2017:

https://musicofilia.wordpress.com/2017/01/14/romeo-e-giulietta-di-prokofev-dalla-scala-di-milano-su-rai-5/

Annunci

Emmanuel Tjeknavorian debutta alla OSN Rai, Andrej Boreyko sul podio.

novembre 16, 2018

Emmanuel Tjeknavorian è stato premiato due anni fa al Concorso Internazionale Sibelius per la migliore interpretazione del Concerto per violino e orchestra di Jean Sibelius. Ha debuttato ieri alla OSN Rai proponendo lo stesso Concerto. Nato a Vienna 22 anni fa da una famiglia di musicisti (il padre è un famoso compositore e direttore d’orchestra) di origine armena, ha studiato nella città natale con Gerhard Schulz, il violino secondo del Quartetto Alban Berg. Dopo il Concorso Sibelius la sua carriera ha preso un notevole slancio e Tjeknavorjan è presente nelle principali sale per concerto.

ETjek1

Emmanuel Tjeknavorian suona il Concerto di Sibelius alla Rai 

L’interpretazione del giovanissimo Tjeknavorian è veramente bella e ha riscosso il meritato successo anche a Torino.

ETjek applausi

Applausi al termine del Concerto

Andrej Boreyko è una presenza costante nelle stagione della OSN e ha racchiuso il Concerto di Sibelius tra due pagine russe: Kikimora di Anatolij Ljadov e la Quinta Sinfonia op.100 di Prokof’ev.

orchestra

L’OSN Rai diretta da Andrej Boreyko

Kikimora è una delle poche pagine orchestrali di Ljadov, che invece compose molto per il pianoforte. È un brano di breve durata che si ascolta sempre volentieri, soprattutto quando l’esecuzione è efficace come questa diretta da Boreyko.

boreyko1

Andrej Boreyko 

La Quinta di Prokof’ev è con la Prima la più eseguita delle sinfonie del Musicista russo. Composta nel 1944 fu eseguita per la prima volta nel gennaio dell’anno successivo diretta dall’Autore. Per pura curiosità segnalo che la “prima assoluta” italiana fu eseguita proprio dall’Orchestra Rai di Torino il 19 settembre del 1947 alla Fenice di Venezia sotto la bacchetta di Roger Desormière; la prima torinese invece risale al 29 aprile 1955 e vide a capo della Orchestra Rai il venticinquenne Lorin Maazel (che era al suo debutto sul podio della Sinfonica di Torino), il 21 dicembre dello stesso anno la dirigerà nientemeno che Herbert von Karajan (fu il suo ultimo concerto alla Rai di Torino). Visto che ci sono, be’ un po’ di autobiogafia: il mio primo ascolto dal vivo di questa composizione risale al 30 aprile 1970 con Sergiu Celibidache sul podio (fu anche in questo caso l’ultimo concerto che il Maestro rumeno diresse alla Rai di Torino interrompendo un lungo e fruttuoso rapporto). Spero davvero che invece per Boreyko non sia l’ultima volta, ma che la sua presenza a Torino continui nel tempo, anche perché l’esecuzione di ieri sera era veramente eccellente e tale da reggere il confronto forse con le illustri sopra citate.

boreyko2

Boreyko dirige la Quinta di Prokof’ev

Il pubblico se ne intende e lo applaude con calore.

Alexander Malofeev e Myung-Whun Chung alla OSN Rai

maggio 30, 2018
am1

Alexander Malofeev 

Non ancora diciottenne Alexander Malofeev è un pianista conteso dalle maggiori istituzioni musicali mondiali. Vincitore del primo premio al Concorso Ciaikovskij del 2014 è balzato alla notorietà e da allora si è esibito sui palcoscenici più prestigiosi. Debutta alla OSN Rai con la Rapsodia su un tema di Paganini op.43 di Rachmaninov, pagina di grande virtuosismo, famosa soprattutto per quella XVIII variazione

di cui anche il cinema ha fatto uso: Miklos Rozsa la inserì efficacemente nel film “Storia di tre amori” del 1953, con Moira Shearer che la danza (i giovanotti come me forse la ricordano):

Mi sono spesso domandato se questo uso della sua musica abbia veramente giovato a Rachmaninov: Breve incontro, Quando la moglie è in vacanza, Shine…etc.: mah… Comunque performance come quella di Maloseev le rendono sicuramente giustizia.

am3

Maloseev nella Rapsodia op.43 di Rachmaninov

Applauditissimo il giovanissimo pianista non si è risparmiato e ha concesso due bis: la Dumka op.59 di Ciaikovskij, brano eseguito al Concorso Ciaikovskij del 2014 e per chiudere in fireworks il Precipitato dalla VII Sonata di Prokof’ev, che fa sempre effetto sul pubblico come ben sanno tutti i virtuosi che se lo possono permettere.

am2

Maloseev esegue il Precipitato

Sul podio un atteso ritorno: Myung-Whun Chung.

mwc1

Myung-Whun Chung sul podio della OSN Rai

Il Maestro coreano ha completato la serata con una magistrale interpretazione della Terza Sinfonia di Beethoven. Esecuzione che ha mandato in visibilio il pubblico, stavolta numerosissimo (sold out), a dimostrazione che i grandi interpreti sono un forte richiamo.

appla

Applausi finali a Chung 

©foto M.Vernetti

“Guerra e pace” di Prokof’ev su Rai 5

gennaio 28, 2017
mira_mendelssohn_prokofiev

Sergei Prokof’ev e Mira Mendelssohn

Domani su Rai 5 andrà in onda Guerra e Pace di Sergei Prokof’ev nell’edizione andata in scena a Spoleto nel 1999. Inizio alle 9:57.  Fu già trasmessa dalla stessa rete e la segnalai:

https://musicofilia.wordpress.com/2013/09/28/guerra-e-pace-di-prokofev-spoleto1999-su-rai-5/

Purtroppo il link cui rimandavo sarà visibile solo a chi paga la sottoscrizione al Corriere. Con quest’opera un comunicato stampa Rai recita  che si conclude il ciclo “Il grande freddo”

Gloria Campaner al Conservatorio di Torino per l’Unione Musicale

maggio 23, 2016
Gloria Campaner

Gloria Campaner

La stagione dell’Unione Musicale volge ormai al termine. È stata davvero stellare per interpreti e proposte. Tra le più belle il concerto di ieri che ha visto Gloria Campaner in un recital di musiche di Schumann (Kinderszenen e Humoreske) Beethoven (Sonata op.57) e Prokof’ev (Toccata op.11). La giovane pianista veneziana è un’interprete matura che sa coniugare alla perfezione virtuosismo trascendentale (una Toccata vertiginosa) e intima poesia (uno Schumann come il suo lo si ascolta raramente). Sa andare all’essenza più nascosta di pagine che sebbene conosciutissime sembrano come nuove. Lo fa senza forzature interpretative e senza esibizionismi gratuiti: insomma una grandissima interprete e una della migliori pianiste di oggi.

GCampaner

Gloria Campaner

Che sogno il Clair de lune debussiano offerto come bis! Da solo valeva una serata. Peccato che il pubblico non fosse molto numeroso (la concorrenza di Diana Damrau al Regio deve aver tolto una parte di presenze): un concerto così è da sold out.