Posts Tagged ‘Rossini’

IL VIAGGIO A REIMS di Rossini (Roma,2017) su Rai 5

gennaio 27, 2018

Domani su Rai 5 sarà replicato Il viaggio a Reims di Rossini nell’allestimento dell’Opera di Roma già trasmesso nello scorso giugno. La regia è di Damiano Michieletto, la direzione di Stefano Montanari. Nel cast: Mariangela Sicilia, Anna Goryachova, Francesca Dotto, Maria Grazia Schiavo, Juan Francisco Gatell, Bruno De Simone, Nicola Ulivieri, Simone del Savio, Merto Sungu, Adrian Sâmpetrean. Un’altra occasione per ascoltare Mariangela Sicilia, il soprano cosentino protagonista della Bohème al Comunale di Bologna, trasmessa dalla stessa rete. Avevo già segnalato questo allestimento:

https://musicofilia.wordpress.com/2017/06/22/il-viaggio-a-reims-di-rossini-dallopera-di-roma-su-rai-5/

Annunci

” La gazza ladra” di Rossini (Milano,2017) su Rai 5

gennaio 20, 2018

locandina

Domani su Rai 5 sarà replicata La gazza ladra di Rossini che fu trasmessa in diretta dal Teatro alla Scala lo scorso 18 Aprile 2017. Ne scrissi in quell’occasione:

https://musicofilia.wordpress.com/2017/04/18/la-gazza-ladra-di-rossini-in-diretta-tv-su-rai-5/

“La Cenerentola” di Rossini su Rai 5

gennaio 13, 2018

Domani su Rai 5 andrà in onda La Cenerentola di Rossini con la regia di Luca Ronconi. Lo spettacolo andò in scena al Palafestival di Pesaro nel 2000 e fu già trasmesso dalla stessa rete almeno due volte.

https://musicofilia.wordpress.com/2013/03/30/la-cenerentola-di-rossini-rof2000-su-rai-5/

IL BARBIERE DI SIVIGLIA di Rossini (Torino,2015) su Rai 5

gennaio 6, 2018
01-barbiere_0

Antonino Siragusa e Roberto de Candia ©Ramella e Giannese

Domani andrà in onda su Rai 5 Il Barbiere di Siviglia di Rossini in una edizione del Teatro Regio di Torino. Si tratta di uno spettacolo collaudatissimo che il Regio di Torino mette in cartellone quasi tutte le stagioni, forse per compensare quel pubblico messo a dura prova da allestimenti “chicicapisceèbravo”. In questo invece firmato da Vittorio Borrelli tutto è chiaro e scorrevole, il pubblico si diverte, il successo è assicurato. Questa rappresentazione è del luglio 2015 ed è diretta da Giampaolo Bisanti. Roberto de Candia, Antonino Siragusa, Chiara Amarù, Marco Filippo Romano, Nicola Ulivieri nei ruoli principali.

11-barbiere_0

Chiara Amarù e Marco Filippo Romano ©Ramella e Giannese

Fu già trasmessa da Rai 5 lo scorso anno durante le festività natalizie, stavolta inaugura un mese di programmazione rossiniana: seguiranno La Cenerentola, La Gazza ladra, Il viaggio a Reims.

08-barbiere_0

Scena di insiema ©Ramella e Giannese

Intanto un paio di recensioni:

http://www.gbopera.it/2015/07/torino-teatro-regio-il-barbiere-di-siviglia/

http://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/torino-teatro-regio-il-barbiere-di-siviglia-2

TANCREDI di Rossini (Torino,1985) su Rai 5

ottobre 21, 2017

Su Rai 5 andrà in onda domani Tancredi di Gioachino Rossini in una edizione del Teatro Regio di Torino del marzo/aprile 1985 con la regia, scene e costumi di Pier Luigi Pizzi e la direzione di Bruno Bartoletti. Nel cast: Lucia Valentini Terrani, Gianna Rolandi, Dalmacio Gonzales, Roberto Scandiuzzi, Monica Tagliasacchi, Lucia Rizzi.

Tancredi

Scena dall’opera

Riporto la recensione di Massimo Mila su La Stampa del 28 marzo 1985:

Quando tutte le edizioni critiche saranno pubblicate, tutte le varianti individuate, tutti gli errori corretti e i tagli riaperti, bisognerà poi anche che una volta o l’altra ci si decida a far uso del cervello e del gusto per sottoporre le opere serie giovanili di Rossini al vaglio della ragione critica. Ci si avvedrà che è un’impostura mettere sullo stesso piano i due trionfi riportati dal ventunenne compositore: il Tancredi e un capolavoro assoluto come L’Italiana in Algeri. Il successo del Tancredi, che tra l’altro non fu nemmeno immediato ma andò crescendo a dismisura dopo l’esecuzione veneziana, quando l’opera cominciò a girare in Italia e fuori, va ricondotto entro le particolari condizioni del momento, quando estinta la grande dinastia settecentesca degli operisti napoletani, e chiusa l’Italia alla penetrazione tanto di Gluck che di Mozart, le sorti stesse dell’opera seria sembravano in declino. Certamente un’opera come il Tancredi aveva in sé tanto di apparato vocale e strumentale da autorizzare nuove speranze. Ma è essenzialmente una palestra di bel canto, ravvivato qua e là da alcune fanfare militaresche che fecero a quel tempo molta impressione e contribuirono ad ingenerare l’equivoco, assai pregiudizievole a una retta ricezione, che si tratti di un’opera eroica, mentre invece il tono determinante è quello dell’elegia. Goethe, quando la senti, disse che gli era stato necessario chiudere gli occhi e prescindere da elmi, armature e trofei, sostituendo i personaggi con ninfe e pastori e immaginando una «favola boschereccia», in un paesaggio alla Poussin; cosi tutto era andato bene. Scarsissimo è il contenuto musicale delle «sonatine di gola» assegnate a un mezzosoprano (Tancredi), un soprano (Amenaide) e un tenore (Argino, padre di Amenaide). A parie la celebre entrata di Tancredi con la cabaletta -Di tanti palpiti-, il vuoto del primo atto è talmente pneumatico che il secondo, certamente, fa figura d’una Passione secondo San Matteo o d’un second’atto della Walkirìa. specialmente quando venga eseguito con quel sorprendente finale tragico che Rossini scrisse per le rappresentazioni di Ferrara sostituendo il lieto fine (in verità più consono alla balordaggine drammatica del libretto) con la morte del protagonista, secondo il lesto della tragedia di Voltaire, tradotto fedelmente da Luigi Lochi, mentre il librettista Gaetano Rossi aveva fatto strazio dell’originale. In questo second’atto appare perfino qualche idea originale nei bassi, invece dei soliti accompagnamenti stereotipati in quartine roteanti, e qualche insolito timbro strumentale sia nell’aria di Argirio sia (corno inglese) in quella successiva di Amenaide. Dei tre arrampicatori vocali che il Regio ha chiamalo ad esibirsi sulle pareti di questa palestra le due donne sono emerse in primo plano. Lucia Valentini Terrani, ancorché in forma non smagliante, ha dato all’inconsistente protagonista l’alta autorità d’una voce sicura e d’un portamento maschile non artificioso. Nel personaggio di Amenaide, interessante rivelazione di Gianna Rolandi, un’oriunda italo-americana che fa qui la sua promettente entrata nel mercato delle voci italiano, forse europeo. I due lunghi duetti, nei quali l’imbranata Amenaide non trova il modo di fugare i sospetti di Tancredi spiegandogli una buona volta come stanno le cose, hanno avuto momenti sfavillanti di eufonia femminile. Il tenore Dalmacio Gonzales si arrabatta con coraggio su per le impervie pareti del belcanto acrobatico, e tutto sommato ce la fa, non stona, non s’inceppa e riesce ad inerpicarsi in vetta agli acuti, più arditi, ma con una fatica che mette a disagio chi lo ascolta con benevola simpatia. Roberto Scandiuzzi, Monica Tagliasacchi e Lucia Rizzi si sono lodevolmente disimpegnati nelle parti minori che non esigono prodezze acrobatiche, e lo Scandiuzzi anche con un certo portamento scenico. Lodevole la prestazione del coro, istruito dal maestro Fogliazza. La direzione di Bartoletti è il grande atout di questa esecuzione: non solo soffice, agile e felpata nelle parti vivaci, ma dotata di tenerezza, di patos e di autentica commozione in quel sorprendente finale tragico, dove le interiezioni dell’orchestra svolgono la funzione di quell’artificio ortografico che sono i puntolini di sospensione nelle pause d’un discorso rotto dall’agonia. L’allestimento scenico e la regia sono quelli di Pierluigi Pizzi per il Teatro Rossini di Pesaro. Un maestoso impianto unico, inquadrato da alte colonne, serve per tutte le numerose scene dell’opera, con allusivi cambiamenti cromatici del fondo scenico e con l’ausilio di alcuni trabiccoli che vanno e vengono. Da questa fissità spettacolare risultano un po’ castigati quei timidi germi di sensibilità paesistica che fanno capolino nella musica. Lo spettacolo ha avuto un bel successo, con lunghi applausi finali e frequenti anche a scena aperta. Non si può tacere, però, che durante il lungo second’atto alcuni spettatori hanno tagliato la corda, come se si trattasse di un’opera moderna. © La Stampa