Settimana lirica con il Massimo di Palermo su Rai 5

marzo 1, 2021

A partire da oggi e fino a venerdì su Rai 5 saranno programmati spettacoli andati in scena al Teatro Massimo di Palermo tra il 2017 e il 2019. Quattro spettacoli sono in prima tv. Si è iniziato oggi con il dittico ideato da ricci/forte – recentemente nominati alla direzione della Biennale Teatro a Venezia – formato dai due atti unici “La mano felice” di Schoenberg e “Il castello del principe Barbablù” di Bartók. Lo spettacolo, con la regia di Stefano Ricci, è andato in scena al Teatro Massimo nel 2018. A dirigere l’Orchestra è il direttore ungherese Gregory Vajda. In scena il basso Gabor Bretz, protagonista di entrambe le opere, il mezzosoprano Atala Schöck, gli attori Giuseppe Sartori e Piersten Leirom, un gruppo di performers e il Coro del Teatro Massimo diretto da Piero Monti. 

Domani  “Das Paradies un die Peri” (Il Paradiso e la Peri) l’oratorio profano di Robert Schumann in forma scenica con regia, scene, costumi, video e luci del collettivo Anagoor, Leone d’Argento per il Teatro alla Biennale di Venezia nel 2018. La Peri, cacciata dal Paradiso viaggia, vagando per l’Oriente, alla ricerca del tesoro più grande sulla Terra, grazie al quale potrà essere di nuovo ammessa nel mondo superiore. Mentre su un grande schermo scorrono le immagini del suo viaggio girate in Iran, in Turchia, lungo i martoriati confini siriani e al Museo Egizio di Torino. Sul podio Gabriele Ferro. Nel cast Sarah Jane Brandon, Valentina Mastrangelo, Atala Schöck, Maximilian Schmitt e Albert Dohmen. 

Mercoledì  “La favorite” di Gaetano Donizetti, nella versione originale in francese. L’allestimento curato da Allex Aguilera arriva per la prima volta in TV. Sul podio Francesco Lanzillotta. Protagonista nel ruolo di Léonor, la favorita del re, il mezzosoprano Sonia Ganassi. Accanto a lei, nel ruolo di Fernand, il tenore americano John Osborn. La coreografia di Carmen Marcuccio vede impegnato in scena il Corpo di ballo del Teatro Massimo. Scene e costumi di Francesco Zito rendono omaggio alla grande tradizione ottocentesca del melodramma italiano.

Giovedì si replica “A Midsummer Night’s Dream” (Sogno di una notte di mezza estate) di Benjamin Britten, nell’allestimento firmato da Paul Curran con la direzione musicale di Daniel Cohen. Ispirato a uno dei capolavori di Shakespeare, il “Sogno” di Britten è un capolavoro di fantasia musicale e letteraria che arriva dal sodalizio tra il compositore e il suo compagno Peter Pears, cantante e coautore del libretto. Nel cast Lawrence Zazzo, Jennifer O’Loughlin, Chris Agius Darmanin, Michael Sumuel, Leah-Marian Jones, Mark Milhofer, Szymon Komasa. Regia tv di Arnalda Canali. 

Venerdì “Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo. L’allestimento con la regia di Lorenzo Mariani, nato al Teatro Massimo nel 2007, ripreso e registrato nel 2019, ambienta la tragedia di Canio e Nedda negli anni Sessanta, in un paese in cui la festa dell’arrivo del circo, segnata da danze che coinvolgono anche gli abitanti del paese, si muta poi repentinamente in tragedia: Sul podio Alessandro D’Agostini. Nel cast Martin Muehle, Valeria Sepe, Amartuvshin Enkhbat, Elia Fabbian e Matteo Mezzaro.

Alcune recensioni degli spettacoli:

https://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/palermo-teatro-massimo-la-mano-felice-il-castello-del-principe-barbabl%C3%B9

https://www.apemusicale.it/joomla/recensioni/48-opera/opera2019/8482-palermo-das-paradies-und-die-peri-24-10-2019

https://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/palermo-teatro-massimo-la-favorite

Teatro Massimo di Palermo: “A midsummer night’s dream”

https://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/palermo-teatro-massimo-pagliacci

“L’elisir d’amore” di Donizetti (Rai,1968) su Rai 5

febbraio 27, 2021

Con L’elisir d’amore in una “storica” edizione realizzata nel 1968 negli studi della Rai termina domani l’omaggio alla memoria di Mirella Freni. Omaggio per la verità piuttosto breve e tardivo, la Freni avrebbe meritato molto di più. In questo Elisir è affiancata da Renzo Casellato, Sesto Bruscantini, Mrio Basiola, Elena Zilio. Un cast stellare. Dirige Mario Rossi.

“Viva la Mamma!” (Le convenienze ed inconvenienze teatrali) di Donizetti (Lione,2017) su Rai 5

febbraio 23, 2021
© Stofleth

In una settimana lirica dedicata a Donizetti con repliche persin ravvicinate Rai 5 propone domani sera una “prima”: Le convenienze ed inconvenienze teatrali ribattezzate con l’apocrifo Viva la Mamma! rappresentato a Lione nel 2017-

©Stofleth

Lo spettacolo porta la firma di Laurent Pelly ed è diretto da Lorenzo Viotti. Nel cast: Laurent Naouri, Patrizia Ciofi, Enea Scala. Una recensione:

https://www.operaclick.com/recensioni/teatrale/lione-op%C3%A9ra-de-lyon-viva-la-mamma

“La bohème” di Puccini (Torino,1996) su Rai 5

febbraio 20, 2021

Continua domani su Rai 5 l’omaggio a Mirella Freni nell’anniversario della scomparsa con La bohème del Centenario che andò in scena al Regio di Torino nel 1996. Già trasmessa e segnalata:

https://musicofilia.wordpress.com/2018/12/22/la-boheme-di-puccini-regio-di-torino1996-su-rai-5/

SALOME di Richard Strauß dal Teatro alla Scala su Rai 5

febbraio 20, 2021

Serata dedicata a Damiano Michieletto stasera su Rai 5 con la Salome di Richard Strauß dalla Scala seguita da due atti unici di Anton Čecov (Una domanda di matrimonio e L’orso). Una gioia per i fan del Regista veneziano, forse un po’ meno per gli altri. Come risaputo la Salome sarebbe dovuta andare in scena lo scorso anno dall’8 al 31 marzo, ma a prove già avanzate l’emergenza covid ha fatto saltare il tutto. Ritorna in tv su Rai 5 stasera a partire dalle 19:50, senza pubblico. Dirige Riccardo Chailly, che ha sostituito l’indisposto Zubin Mehta. Le scene sono di Paolo Fantin, i costumi di Carla Teti, le luci di Alessandro Carletti, le coreografie di Thomas Wilhelm. In scena nei panni della protagonista Elena Stikhina al debutto scaligero, insieme a Wolfgang Koch come Iochanaan, Gerhard Siegel come Herodes e Linda Watson come Herodias. Vi segnalo un articolo interessante sullo spettacolo e non solo:

https://www.quotidianogiuridico.it/documents/2021/02/19/la-salome-noir-di-michieletto-e-fantin-analisi-giuridico-metafisica-del-femminicidio