Posts Tagged ‘Respighi’

Concerto dei Berliner Philharmoniker alla Waldbühne 2018 su 3sat

giugno 24, 2018
Wb

©M.Rittershaus

Il rituale concerto alla Waldbühne dei Berliner andrà in onda stasera dalle 20:15 in diretta TV su 3sat o su rbb, in diretta streaming sulla Digital Hall per i soli abbonati. È l’ultimo concerto diretto da Simon Rattle come direttore principale dell’Orchestra. Accanto a lui Magdalena Kožená solista in una scelta dei Chants d’Auvergne di Joseph Canteloube. In programma anche la Cuban Ouverture di Gershwin, la Pavane di Fauré, una scelta da Gayaneh di Kachaturian e I Pini di Roma di Respighi.

Annunci

James Ehnes interpreta Beethoven alla OSN Rai. Dirige James Conlon.

dicembre 18, 2017

161

Come sanno tutti gli appassionati di musica e come ricorda Schroeder headphonesil 16 dicembre è il compleanno di Beethoven. La OSN Rai lo ha festeggiato con una bella esecuzione del Concerto op.61 affidata a James Ehnes.

ehnes 1

James Ehnes nel Concerto di Beethoven © Più Luce

41 anni, canadese, Ehnes è conteso in tutto il mondo, ha una vasta discografia spesso vincitrice di premi. Suona uno Stradivari del 1715. È un interprete preciso e non eccede in inutili virtuosismi.

ehnes 2

Ehnes esegue la cadenza del Concerto op.61 © Più Luce

Bellissima performance a lungo applaudita. Ehnes ha generosamente concesso due bis.

conlon 2

L’OSN con Conlon sul podio ©Più Luce

Sul podio James Conlon che ha dedicato la seconda parte della serata a Respighi e Stravinskij, “trascrittori” di musiche del passato. Del Musicista italiano la Prima Suite da Antiche Danze e Arie per liuto, di Stravinskij la Suite da Pulcinella su musiche di Pergolesi. Di entrambe le composizioni Conlon ha dato una interpretazione raffinata ed efficace. I due brani sono stati preceduti dall’Adorazione dei Magi da Trittico Botticelliano di Respighi, offerta a mo’ di cartolina musicale di auguri. Esecuzioni esemplari da parte di un’Orchestra che migliora costantemente. Merito di James Conlon?

conlon

James Conlon sul podio della OSN Rai © Più Luce

Concerto della OSN Rai nella Sala Grande del Conservatorio di Mosca in diretta tv su Rai 5

ottobre 5, 2015

L’OSN Rai è in tournée in Russia. Dopo il concerto di ieri a San Pietroburgo oggi suonerà a Mosca nella Sala Grande del Conservatorio. Il Concerto sarà trasmesso in diretta alle ore 18:00 su Rai 5. Devo ammettere che avendo visto nascere, crescere, maturare, ecc…. questa Orchestra provo un po’ di emozione nel sapere che suonerà in una delle sale più prestigiose in assoluto. Emozione in diretta tv e, be’ va detto, mi pare che attualmente Rai 5 stia agendo molto bene: dopo la diretta di sabato da Santa Cecilia, questa dal Conservatorio di Mosca e poi il 15 p.v la diretta dell’inaugurazione della Stagione 2015/16 della OSN Rai. Non voglio cantare eccessive lodi, perché temo poi (come già avvenne in passato) le smentite nei fatti, ma riconoscere i meriti è doveroso. Il Concerto in programma sarà diretto da Marco Angius con la partecipazione di Anna Tifu, solista nel Concerto di Paganini. Programma italiano: la sinfonia dalla Semiramide di Rossini, il Secondo Concerto di Paganini, la suite La Strada di Nino Rota e i Cinque Études Tableaux di Rachmaninov orchestrati da Respighi (quest’ultimo brano sembra unire Russia e Italia musicalmente, d’altronde Respighi fu allievo di Rimskij-Korsakov).

Anna Tifu e Marco Angius provano

Ovviamente un appuntamento da non perdere!!!

Prove d’orchestra a Torino

—————

Un bel concerto. Vedere il pubblico di Mosca in standing ovation al termine fa veramente piacere e riempie di orgoglio. Mi viene voglia di ripetere, come in quella trasmissione di qualche anno fa dedicata ai ragazzi: W l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai.

P.S.: Una precisazione. Violino di spalla nel concerto era Alessandro Milani e non Roberto Ranfaldi, come è stato segnalato nella conduzione della diretta.

Autori italiani e “nordici” alla OSN Rai con Silvia Chiesa al violoncello e Corrado Rovaris sul podio

novembre 7, 2014

Davvero un bel programma nel 4° Concerto della Stagione della OSN Rai con una prima parte dedicata a due compositori italiani della “generazione dell’Ottanta” (Ottorino Respighi e Ildebrando Pizzetti)

Ildebrando Pizzetti e Ottorino Respighi

Ildebrando Pizzetti e Ottorino Respighi

e una seconda a due compositori del Nord Europa (Edvard Grieg e Carl Nielsen).

Edvard Grieg e Carl Nielsen

Edvard Grieg e Carl Nielsen

L’interesse era ancor maggiore poiché si trattava di brani in genere poco eseguiti (almeno qui a Torino). La suite dal balletto La boutique fantasque, che Respighi compose su musiche di Rossini e il Concerto in do per violoncello e orchestra che Pizzetti compose nel 1934 per Enrico Mainardi. Di questo secondo brano, quasi dimenticato, ne è stata interprete Silvia Chiesa, che lo ha inciso per la Sony con l’OSN diretta da Rovaris (registrato nel gennaio scorso e in vendita dal 4 novembre).

Silvia Chiesa riscopre tre maestri del novecento italiano nel nuovo cd per Sony - Silvia Chiesa

Copertina del CD

Ecco cosa dice Silvia Chiesa in una intervista su Sistema Musica della proposta del Concerto:

«Quando la Sony mi ha invitato a incidere, mi è sembrato doveroso fare una scelta artistica e morale precisa: quella di difendere, e quindi rivalutare, il repertorio italiano per violoncello e orchestra, e in particolare quello novecentesco. È nato così il cd che contiene i Due concerti di Nino Rota. Poi, secondo l’obiettivo di questo progetto Sony, ecco la registrazione proprio del Concertodi Pizzetti, pagina che abbiamo deciso di abbinare al Concerto di Casella e all’Adagio e variazioni di Respighi. L’incisione è stata realizzata peraltro con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Corrado Rovaris. Del tutto naturale quindi pensare di presentare quel concerto dal vivo» E ancora: la durata è intorno alla mezz’ora, il primo movimento si sviluppa per circa quindici minuti. Inoltre, il rapporto tra il violoncello e l’orchestra è fortemente competitivo, intrecciandosi in una partitura dalla strumentazione densa, ma molto ben scritta e con chiarezza. Peraltro, tutto il concerto è innervato da una suggestiva vena melodica, che sono sicura sorprenderà e affascinerà l’ascoltatore; il secondo movimento è un bel cantabile, lento e molto lirico, che poi sfocia in un virtuosistico finale. Qui emerge con evidenza la complessità della scrittura per violoncello realizzata da Pizzetti, a volte persino sperimentale come appunto nell’inizio di questo terzo movimento, che si apre con una serie di accordi da eseguire in grande velocità».

Silvia Chiesa esegue il Concerto di Pizzetti alla Rai © +luce

Silvia Chiesa esegue il Concerto di Pizzetti alla Rai © +luce

Ottima esecuzione con una perfetta sintonia tra Orchestra e Solista.

Applausi a Silvia Chiesa ©+luce

La seconda parte inizia con la celebre prima suite dalle musiche di scena per il Peer Gynt. In Italia il primo brano (Il mattino) ebbe una grandissima popolarità per essere stato “colonna sonora” di un Carosello tv.

Povero Grieg! Tanto più che il brano finì con l’esser conosciuto come “La pancia non c’è più”. Comunque la popolarità non gli mancò. (Ancora oggi d’altronde l’incipit del Così parlò Zarathustra è conosciuto dai più col titolo del film di Kubrick che lo rese popolare). Completava il programma la Quarta Sinfonia di Carl Nielsen, la più conosciuta del grande Compositore danese. Mi domando come mai le Sinfonie di Nielsen, che non presentano grandi difficoltà di ascolto, siano così poco eseguite e conosciute da noi. Ancora ieri sera il pubblico, già poco numeroso, ha abbandonato progressivamente la sala (alcuni nell’intervallo, altri dopo il Peer Gynt) lasciando pochi “fortunati”. Sì perché l’esecuzione diretta da Corrado Rovaris meritava davvero di essere ascoltata.

Corrado Rovaris dirige l’OSN nella Quarta di Nielsen ©+luce

Direttore prevalentemente operistico Corrado Rovaris dagli interessi barocchi di inizio carriera ha allargato il repertorio fino ai contemporanei. Le esecuzioni di ieri sera sono state esemplari: dal brano di Respighi al bellissimo Peer Gynt alla sfolgorante Quarta di Nielsen: un ottimo direttore e una orchestra in piena forma.

Applausi meritati a Direttore e Orchestra ©+luce

A quando un Aimez-vous Nielsen? Non c’è il romanzo, ma a Torino ce ne sarebbe bisogno e forse la risposta sarebbe affermativa.

Concerto Valčuha – Tamestit alla OSN Rai su Rai 5

novembre 6, 2014

Prove del Concerto con Tamestit e Valčuha sul podio

Stasera alle 21:15 su Rai 5 sarà trasmesso in differita il 2° concerto della Stagione OSN Rai eseguito il 16 e 17 ottobre scorsi e da me perduto poiché in concomitanza con i Concerti del Teatro Regio, a dimostrazione del perfetto coordinamento tra le istituzioni musicali di cui la Città di Torino si fa vanto Smiley. Il programma:

Juraj Valčuha direttore
Antoine Tamestit viola

Luciano Berio
Voci (Folk Songs II), per viola e due gruppi strumentali

Sergej Prokof’ev
L’amore delle tre melarance. Suite sinfonica op. 33bis dall’opera

Ottorino Respighi
Fontane di Roma, poema sinfonico

Ottorino Respighi
Pini di Roma, poema sinfonico

Le recensioni da me lette sono altamente positive: si loda soprattutto l’Orchestra che sotto la guida del Direttore principale ha dato un’eccellente prova nelle pagine di Prokof’ev e Respighi. Mi sarebbe piaciuto rimandarvi al programma di sala, ma il sito dell’Orchestra dopo il 1° concerto della Stagione non ha più inserito materiali (non so il perché).